SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori del Regno (1848-1943) » Scheda Senatore  


CASTELLI Michelangelo

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:10/04/1808
Luogo di nascita:Racconigi, Cuneo
Data del decesso:20/08/1875
Luogo di decesso:Torino
Padre:Giovanni Battista
Madre:Bertini Vittoria
Nobile al momento della nomina:No
Coniuge:Piacenza Margherita
Figli: Carlo
Titoli di studio:Laurea in giurisprudenza
Presso:Università di Torino
Professione:Funzionario amministrativo
Carriera:Direttore generale degli Archivi generali di Torino, poi Archivio centrale dello Stato di Torino (16 luglio 1854)
Cariche politico - amministrative:Sindaco di Racconigi (7 ottobre 1835-1837)
Cariche e titoli: Consigliere di legazione a Parigi (1850)
Primo segretario del Gran magistero dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro (2 novembre 1870)
Consigliere della Direzione generale dei Teatri del Regno
Socio residente della Deputazione di storia patria di Torino
Socio della Deputazione di storia patria per le antiche province di Lombardia

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:02/29/1860
Categoria:03 I deputati dopo tre legislature o sei anni di esercizio
Relatore:Gabrio Casati
Convalida:11/04/1860
Giuramento:02/04/1860
Annotazioni:Giuramento prestato prima della convalida, in seduta reale d'inaugurazione di sessione parlamentare
    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 6 novembre 1853
Ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 24 gennaio 1856
Commendatore dell'Ordine militare dei SS. Maurizio e Lazzaro 14 gennaio 1857
Grande ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 3 novembre 1861
Gran cordone dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 30 maggio 1873
Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia
Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia 22 aprile 1868
Grande ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia 8 ottobre 1870
Cavaliere dell'Ordine di Leopoldo (Belgio)
Commendatore dell'Ordine di Leopoldo (Belgio)
Cavaliere ufficiale dell'Ordine della Legion d'onore (Francia)

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
I
Condove
26 giugno 1848
Ballottaggio il 27 giugno 1848
II
Racconigi
20 marzo 1849
Ballottaggio il 21 marzo 1849
III
Racconigi
15 luglio 1849
Ballottaggio il 22 luglio 1849
IV
Racconigi
9 dicembre 1849
Cessazione per nomina a primo ufficiale al Ministero dell'Interno
IV
Racconigi
5 dicembre 1852
Ballottaggio il 7 dicembre 1852
V
Racconigi
8 dicembre 1853
Ballottaggio l’11 dicembre 1853
VI
Boves
11 luglio 1858
Ballottaggio il 15 luglio 1858
VI
Boves
6 febbraio 1859
Rielezione
Cariche:Segretario (4 marzo 1852-21 novembre 1853)


    .:: Governo ::.

    Regno di Sardegna post 04 Marzo 1848 - Regno d'Italia:
Primo ufficiale, poi segretario generale del Ministero dell'interno (4 novembre 1852-6 marzo 1854)

    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Francesco Maria Serra, Vicepresidente
    Signori Senatori,
    Dal giorno in cui la Sessione fu prorogata sino alla odierna nostra riunione ben sei perdite di nostri Colleghi avemmo a deplorare. E con noi le deplorano l’Italia ed il Re, giacché essi tutti per diversi titoli furono e dell’una e dell’altro benemerentissimi.
    Assai difficile, o Signori, è il compito mio di rammemorarvene le virtù preclare; e se non mi sarà dato di disimpegnarlo degnamente, confido che la indulgenza vostra saprà tenermi conto della buona volontà.
    [...] Michelangelo Castelli, nome a noi tutti carissimo, cessò di vivere in Torino il 20 ultimo scorso agosto.
    Dire cose degne di un cittadino cotanto benemerito è compito difficilissimo per me, né io saprei quali altri fiori spargere sulla lacrimata tomba di lui, dopo quelli elettissimi coi quali la cosperse un nostro egregio Collega, che, per la sostanza e per la forma dei suoi dettati, occupa un posto elevatissimo tra i più chiari biografi d’Italia.
    Ma poiché fra gli altri favori che nella mia lunga vita mi ebbi dalla fortuna, fuvvi per oltre cinque lustri non solo la benevolenza ma la stretta amicizia che mi unì a Michelangelo Castelli, io mi sento in dovere di consacrare alla di lui memoria carissima una mia parola di elogio coscienzioso e di compianto sincero.
    Sin dal primo stringersi delle mie relazioni con Michelangelo Castelli, io ammirai in lui la intelligenza distinta, la intuizione retta, l’amore ardentissimo della patria, la mitezza del costume, la nobiltà del carattere, la costanza nelle affezioni e nei propositi, la soavità e la franchezza delle parole.
    Molti purtroppo sono gli uomini che con un corredo assai meno largo di doti così belle, riuscirono a fare tra i loro contemporanei una figura più splendida di quella che il compianto nostro Collega abbia fatto nella non troppo lunga sua carriera mortale.
    Ma alle belle doti, cui io ho appena accennato, egli univa, più spiccata di tutte la modestia; sicché, pago nella propria coscienza di avere procurato il bene dei suoi simili e della patria sua, rifuggiva dal farne pompa onde procurarsi lodi ed applausi.
    Se io vero dica possono farne testimonianza quelle moltissime vittime illustri dell’amore di patria e della prepotenza straniera, che ospitale ricovero e per opera di Michelangelo Castelli abbondanti sussidî e favori si ebbero in Torino, dove vivo sempre, a dispetto del tristissimo volgere de’ tempi, si mantenne il sacro fuoco della libertà, dell’unità e dell’indipendenza d’Italia.
    La soavità dei modi, lo spirito eminentemente conciliativo, la franchezza e la lealtà del carattere fecero di Michelangelo Castelli l’anello di congiunzione tra le due frazioni del partito sinceramente costituzionale, che nel 1851 si disputavano la prevalenza nel Parlamento Subalpino; ed all’opera di lui si dovette in modo speciale quella fortunata associazione di propositi e di volontà, che in progresso, mercé la lealtà del principe, la saviezza dei governanti, il valore dell’esercito e l’abnegazione dei popoli, decise del destino della nostra patria.
    Amico leale e costante di Camillo di Cavour, e da lui con pari affezione contraccambiato, Michelangelo Castelli era ammesso nei più reconditi segreti della ardita ed al tempo stesso prudente politica di quell’uomo immortale e fu di essa uno dei più abili ed efficaci cooperatori.
    La memoria dell’uno non può scompagnarsi da quella dell’altro; e la dipartita del benemerito patriota Michelangelo Castelli da questa terra, rincrudisce i dolori d’Italia per la morte immatura e supremamente deplorabile del suo più insigne uomo di Stato. (Vivi segni d'approvazione).

    Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 6 dicembre 1875.

Note:Vicedirettore de "Il Risorgimento" dal 25 febbraio 1848.

Attività 0496_Castelli_Michelangelo_IndiciAP.pdf