SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


POLVERE Nicola

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:05/06/1833
Luogo di nascita:PAGO VEIANO (Benevento)
Data del decesso:05/03/1915
Luogo di decesso:BENEVENTO
Padre:Salvatore
Madre:DE AGOSTINI Carmela
Nobile al momento della nomina:Si
Nobile ereditarioSi
Titoli nobiliariMarchese
Coniuge:CASSITTO (KASSITT) Amalia, del patriziato di Ravello dei conti d'Ortenburg
Figli: Margherita coniugata CEFALY
Marianna, che sposò Ettore DE CILLIS
Maria Carmela, che sposò Pasquale dei marchesi ROSATI
Carlotta, che sposò Ferdinando JELARDI
Lucia, che sposò Francesco DE' CONNO
Fratelli:Giuseppe, sacerdote
Parenti:POLVERE Angelantonio, avo paterno
POLVERE Arcangelo, zio, fratello del padre, arciprete di Pago Veiano
Titoli di studio:Laurea in giurisprudenza
Presso:Università di Napoli
Professione:Avvocato
Cariche politico - amministrative:Sindaco di Pago Veiano (1860/1861-1882)
Presidente del Consiglio provinciale di Benevento (1900-1902)
Cariche amministrative:Consigliere provinciale di Benevento (1863)
Assessore comunale di Pago Veiano (1883-1893)
Membro della Deputazione provinciale di Benevento
Cariche e titoli: Capitano della Guardia nazionale di Benevento

    .:: Nomina a senatore ::.

Proponente:Ministro del tesoro23/07/1892
Autocandidato
22/07/1892
Autocandidato
23/09/1892
Prefetto di Benevento
    [Fassini Camossi Mario]
[1892]
Nomina:10/10/1892
Categoria:03 I deputati dopo tre legislature o sei anni di esercizio
Relatore:Antonino Di Prampero
Convalida:29/11/1892
Giuramento:23/11/1892
Annotazioni:Giuramento prestato prima della convalida, in seduta reale d’inaugurazione di sessione parlamentare

    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 1° giugno 1884
Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia
Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia
Grande ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
XII
San Giorgio La Montagna [oggi San Giorgio del Sannio]
8-11-1874*
Sinistra
Ballottaggio il 15 novembre 1874. Proclamazione della Camera il 14 dicembre 1874
XIII
San Giorgio La Montagna [oggi San Giorgio del Sannio]
5-11-1876
Sinistra
XIV
San Giorgio La Montagna [oggi San Giorgio del Sannio]
16-5-1880
Sinistra
XV
Benevento
29-10-1882
Sinistra
XVI
Benevento
23-5-1886
Sinistra
XVII
Benevento
23-11-1890
Sinistra


    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti parlamentari - Commemorazioni
      Giuseppe Manfredi, Presidente

      Onorevoli colleghi.
      [...]
      Pianta amaramente in Benevento è la morte del marchese Nicola Polvere, avvenuta il 5 del mese corrente; ch'egli vi era da tutti tenuto in molto pregio ed affetto per le elette qualità della mente e del cuore. era nato in Pago Veiano, provincia beneventana, il 6 maggio 1833; e con la nobiltà e la fortuna aveva ereditato dalla famiglia i sentimenti liberali. Di pari sentimenti ebbe i precettori in Napoli, ove fu mandato nel 1848, e finì gli studî con quelli del diritto. Ritornato al paese nativo vi salì in reputazione per i pubblici uffici; ed eletto sindaco giovanissimo, tenne con generale approvazione, la carica lungamente. Nel Consiglio provinciale di Benevento presto entrato, più non ne uscì; ne fu presidente; ed alla Deputazione più volte appartenne. Al più importante della vita della provincia va legato il suo nome. Anche del corpo elettorale politico godé il maggior favore e la più costante ed inalterata fiducia. Eletto deputato nel 1874, tenne il mandato per diciotto anni in sei legislature continue. Rappresentò il collegio il San Giorgio la Montagna dalla XII alla XIV; e fu tra i rappresentati del collegio unico della provincia di Benevento a scrutinio di lista dalla XV alla XVII. Adempì il dovere con assiduità e coscienza, caro ai colleghi, in grazia sempre degli elettori. Nel 10 ottobre 1892 fu nominato senatore; e, finché poté, intervenne ai nostri lavori. La morte del senatore Polvere è altra perdita di un degno ed onorando collega, che aumenta il lutto del Senato. (Bene).
      [...]
      D'ANDREA. Domando di parlare.
      PRESIDENTE. Ne ha facoltà.
      D'ANDREA. Dopo le nobili parole profferite dal nostro illustre Presidente, rievocanti le virtù civili del compianto collega Nicola Polvere, consenta il Senato di aggiungerne altre poche e disadorne a me che, nato nella stessa provincia di Benevento, l'ebbi compagno prima nel consiglio provinciale, più tardi alla Camera elettiva ed infine qui in Senato.
      intelligenza acuta, mente equilibrata, Nicola Polvere non ebbe grandi visioni nella vita pubblica. Gli uffici importanti che egli aveva conseguito, gli valsero principalmente per giovare al suo paese d'origine Pago-Vejano, del quale fu successivamente sindaco ed amministratore diligente. Nel consiglio della provincia, di cui tenne anche la presidenza, portò parimente il contributo della sua mente eletta e del suo criterio parsimonioso.
      Pur avendo occupato tanti uffici pubblici, egli ebbe la ventura rara di trovare pochi ostacoli nel corso della sua carriera politica ed amministrativa. Non tempeste di lotte elettorali; non febbri accese di passioni politiche. Si spense sereno tra il compianto di tutta la provincia.
      Propongo, anche a nome dei miei colleghi, senatori Mazzella e Carissimo, i quali pure appartengono alla provincia di Benevento, che giungano alla desolata famiglia ed al paese suo natio i sentimenti di condoglianza del Senato. (Vive approvazioni).
      [...]
      MAZZELLA. Domando la parola.
      PRESIDENTE. Ha facoltà di parlare.
      MAZZELLA. Prendo la parola unicamente per associarmi alla bella commemorazione che l'amico senatore D'Andrea ha fatto del nostro compianto collega senatore Polvere, che fu lustro e decoro della provincia di Benevento.
      Con affetto devoto di figlio il senatore Polvere si occupò della provincia di Benevento, senza destare come ha opportunamente ricordato il collega D'Andrea odii o rancori. Una altra bella prerogativa di lui era quella di aver molto denaro e di averlo in molta parte speso, con larga generosità, a beneficio delle classi meno abbienti, dalle quali fu sempre ben veduto ed amato. Ma non basta, giacché tutto il bene che egli fece per i poveri del suo paese nativo lo fece con grande modestia, senza andare in cerca di lodi, facendo il bene per il bene, senza preoccuparsi di raccogliere sul suo nome fama ed onori.
      Io quindi m'inchino dinanzi alla tomba di questo illustre mio concittadino e prego il Senato di volersi fare interprete presso il sindaco della sua città nativa, presso la provincia di Benevento e presso la sua famiglia dei nostri sentimenti di vivo rimpianto. (Vive approvazioni).

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 10 marzo 1915.

Ringraziamenti:-Sindaco del Comune di Pago Veiano (Benevento) Antonino Rosario
-Gabriella, Mercuri
- Andrea Jelardi


Attività 1797_Polvere_IndiciAP.pdf