SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


RICCI Giovanni

  
  


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:03/29/1813
Luogo di nascita:GENOVA
Data del decesso:05/10/1892
Luogo di decesso:OVIGLIO (Alessandria)
Padre:Gerolamo
Madre:CAUSA Maria
Nobile al momento della nomina:Si
Nobile ereditarioSi
Titoli nobiliariMarchese
Fratelli:Alberto, senatore (vedi scheda)
Giuseppe
Vincenzo, deputato
Titoli di studio:Scuola militare
Scuole militari:Scuola di marina (15 ottobre 1828)
Professione:Militare di carriera (Marina)
Carriera:Guardiamarina (15 ottobre 1828)
Sottotenente di vascello (4 agosto 1835)
Tenente di vascello (28 maggio 1839)
Capitano di fregata (20 giugno 1850)
Capitano di vascello (10 ottobre 1855-3 maggio 1858. Data del collocamento a riposo)
Cariche e titoli: Aiutante generale della Regia Marina (13 febbraio 1853) (8 ottobre 1855) (24 dicembre 1855)
Membro del Congresso permanente della marina (12 giugno 1856-3 maggio 1858)

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:12/23/1873
Categoria:03
05
I deputati dopo tre legislature o sei anni di esercizio
I Ministri segretari di Stato
Relatore:Ferdinando Cavalli
Convalida:02/03/1874
Giuramento:02/03/1874

    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 19 maggio 1853
Ufficiale dell'Ordine militare di Savoia 12 giugno 1856

    .:: Servizi bellici ::.

Periodo:1848 prima guerra d'indipendenza

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
VII
Genova IV
25-3-1860*
Destra
Ballottaggio il 29 marzo 1860
VIII
Genova III
27-1-1861**
Destra
Ballottaggio il 3 febbraio 1861. Cessazione l'8 dicembre 1862 per nomina a ministro della marina. Rieletto con ballottaggio il 18 gennaio 1863
IX
Genova III
22-10-1865***
Destra
Ballottaggio il 29 ottobre 1865. Annullamento il 5 dicembre 1865 e rielezione con ballottaggio il 14 gennaio 1866
X
Genova III
10-3-1867****
Destra
Ballottaggio il 17 marzo 1867
XI
Genova III
20-11-1870*****
Destra
Ballottaggio il 27 novembre 1870. Cessazione per nomina a senatore


    .:: Governo ::.

    Governo:
Ministro della marina (8 dicembre 1862-22 gennaio 1863)

    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Domenico Farini, Presidente

      Signori senatori! Un mesto esordio precedere deve ogni nostro lavoro: la commemorazione dei colleghi che da noi si dipartirono, dacché il Senato si aggiornò.
      Funerea, lunga, dolorosa lista! [...]
      Ultimo superstite di quattro fratelli che nei pubblici uffici, nelle due Camere, nell'esercito e nella marina si chiarirono valenti e prodi, fu il marchese Giovanni Ricci.
      Nato di famiglia patrizia, allievo della scuola di marina l'anno 1827, ufficiale dell'Armata sarda per quasi ventotto anni, salendo a capitano di vascello, conseguì in essa bella reputazione. Da svariati incarichi e da speciali missioni vuoi nello Stato, vuoi in Inghilterra e nelle Indie per fare incetta di legnami e di materiale marinaresco cavata gran lode, il suo nome suonò sempre più alto negli uffici eminenti di aiutante generale e membro del Congresso permanente della marina. Uscito dal servizio nel 1858, nel troppo sollecito ritiro, di sue benemerenze militari, faceva testimonianza la croce di ufficiale nell'Ordine militare di Savoia.
      Rappresentante della nativa Genova alla Camera dei deputati per la settima legislatura e per le quattro successive, Giovanni Ricci vi acquistò il posto che si conveniva al perspicuo ingegno ed alla mente eletta. In quel ramo del Parlamento ed in questo, cui era stato ascritto il 23 dicembre 1873, ogni interesse marittimo fu sua particolare cura, propugnò con autorevolezza pari al grande affetto.
      Questo era così vivace e quella tanta che il conte di Cavour non dubitando di giudicarlo "il solo ufficiale capace di riordinare la marina napoletana" gliene aveva dato nell'ottobre del 1860, la spinosa incombenza. Allo stesso affetto, alla stessa autorevolezza anche le sorti di tutta la marina italiana nel dicembre del 1862 erano state confidate. Volle sventura che gli elettori non gli confermassero di primo tratto il mandato e che, per scrupoloso riguardo, egli rassegnasse appena scorso un mese l'ufficio di ministro, come dianzi, incidenti più di forma che sustanziali, l'avevano indotto a partirsi di Napoli prima che l'altro delicatissimo avesse assunto.
      Da questo procedette che alle grandi speranze non seguì l'effetto, o a lui mancasse ambizione e volontà di dimostrarsi od al mettersi alla prova gli facessero impedimento i casi o la natura poco remissiva, tutta rigidità e fierezza, agguagliate ai nobili impulsi dell'animo.
      Viveva da molti anni quasi sempre in villa poco lungi da Bergamasco, in quel di Alessandria, alacremente inteso all'agricoltura: l'altra parte del tempo adoperando in Genova nell'amministrazione del Comune e delle opere di beneficenza con zelo esemplare. In età di poco meno che ottant'anni moriva il 5 di ottobre nella stessa villa di San Cristoforo che ne aveva veduto e confortato la lunga operosità, chiamando erede d'ogni sua ricchezza il Comune, per gli orfani, di Genova.
      Ultima volontà, munificenza degna dell'uomo che nella vita pubblica difese i deboli, confortò gli umili, fece costantemente proprii gli interessi popolari: degnissima fine di Giovanni Ricci che ogni larghezza di istituto civile e politico nella onorata esistenza favoreggiò, tutelò, promosse. (Molto bene - Bravo).

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 24 novembre 1892.

Ringraziamenti:Capitano di vascello Francesco Carlo Rizzo di Grado e Premuda
Capitano di fregata Riccardo Cardea
Rita Micheli, Marco Cormani, Franco Salvatore


Attività 1893_Ricci_Giovanni_IndiciAP.pdf