NO
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


FARINA Nicola

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:04/10/1830
Luogo di nascita:BARONISSI (Salerno)
Data del decesso:30/12/1902
Luogo di decesso:BARONISSI (Salerno)
Padre:Francesco
Madre:SERIO Maddalena
Nobile al momento della nomina:No
Nobile ereditarioNo
Coniuge:Celibe
Fratelli:Mattia, senatore (vedi scheda)
Luogo di residenza:Baronissi
Professione:Industriale-agricoltore
Cariche politico - amministrative:Sindaco di Baronissi (1872-1881)
Cariche amministrative:Consigliere provinciale di Salerno
Cariche e titoli: Membro della Giunta d'inchiesta agraria [1877]
Socio della Società economica di Salerno
Presidente della Congregazione di carità di Baronissi (1896)
Presidente dell'Asilo di mendicità di Baronissi (1898)
Fondatore del Teatro di Baronissi (1900)
Fondatore dell'Asilo infantile di Baronissi

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:06/14/1900
Categoria:03 I deputati dopo tre legislature o sei anni di esercizio
Relatore:Antonino Di Prampero
Convalida:23/06/1900
Giuramento:28/12/1900

    .:: Onorificenze ::.

Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
XII
Mercato San Severino
28-5-1876*
Centro-sinistra
Elezione in corso di legislatura.
Ballottaggio il 4 giugno 1876
XIII
Mercato San Severino
5-11-1876
Centro-sinistra
XIV
Mercato San Severino
16-5-1880
Centro-sinistra
XV
Salerno I
29-10-1882
Centro-sinistra
XVI
Salerno I
23-5-1886
Centro-sinistra
XVII
Salerno I
23-11-1890**
Centro-sinistra
Dimissioni il 26 giugno 1891. Rielezione il 26 luglio 1891
XVIII
Mercato San Severino
6-11-1892
Centro-sinistra
XIX
Mercato San Severino
26-5-1895
Centro-sinistra
XX
Mercato San Severino
21-3-1897


    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Giuseppe Saracco, Presidente

      Signori senatori,
      Anche oggi il Senato non si dispone a riprendere i suoi lavori, senza che ciascuno di noi si senta chiamato a rivolgere un mesto pensiero verso i colleghi perduti, in così grande numero, nel breve periodo di tempo trascorso dal giorno in cui ci siamo separati. Sei sono i senatori rapiti al nostro affetto nel giro di un solo mese, o poco più, dei quali per debito d'ufficio e con l'animo compreso di profonda mestizia io dirò i nomi innanzi a voi, acciocché ne serbiate vivo il ricordo nei vostri cuori. [...]
      Terzo in ordine di data, viene Nicola Farina, morto in Baronissi, dove era nato, addì 30 dicembre.
      Solamente dal giugno 1900 egli apparteneva al Senato, ma fino dalla XII legislatura, e sempre di poi, i suoi conterranei lo avevano inviato a sedere nella Camera dei deputati, dove diede prova costante di carattere indipendente, e di spiriti schiettamente liberali. Ricco di censo, Nicola Farina si compiaceva di vivere, beneficando, in mezzo alle sue vaste tenute, dove la famiglia Farina raccoglie le simpatie universali, cosicché la sua dipartita fu accompagnata dal rimpianto di una intera contrada. [...]
      Ed ora, o Signori senatori, che il mesto ufficio è compiuto, volgiamo ancora un ultimo affettuoso saluto alle anime elette di questi valentuomini, che innanzi di salire a più spirabili aere hanno impiegato così nobilmente la loro giornata su questa terra; ed auguriamo che in premio dei servizi resi alla patria, Dio conceda loro il riposo eterno dei giusti. (Approvazioni). [...]
      VISOCCHI Domando di parlare.
      PRESIDENTE. Ne ha facoltà.
      VISOCCHI. [...]
      Mi permetto poi di aggiungere alcune parole di affettuosa ricordanza pel compianto nostro collega Farina Nicola al quale fui legato di cordiale amicizia in molti anni insieme passati alla Camera dei deputati.
      Ricco di beni di fortuna egli ebbe il pregio di non abbandonare le sue proprietà e la terra nativa per seguire la troppo generale usanza di goder le ricchezze nella vita molle e dilettosa delle grandi città, egli invece attese molto alla buona coltura delle sue possessioni e condusse ad una grande altezza una industria agricola in Italia molto oggi stimata e davvero importante, quella dell'allevamento equino, ed egli la curò con tanto amore, dispendio e perizia da portare questa sua produzione all'altezza di poter gareggiare con quella estera.
      Ma non per questo egli mancò di prestare la sua opera in molti uffici pubblici, fu consigliere comunale, consigliere provinciale, deputato al Parlamento, ed infine, nominato senatore al 1890. Io ebbi l'onore di introdurlo in quest'Aula, che egli non poté poi assiduamente frequentare per grave infermità.
      Fu cortese, amabile, benefico ed amatissimo nel suo comune e nella sua provincia e del generale compianto per la sua morte, gli fu data larga testimonianza nelle sue esequie numerosissime ed interminabili.
      Ciò non fu certo bastevole e consolare la patria e la sua famiglia di tanto irreparabile perdita! Vadano di nuovo oggi al suo fratello, nostro collega Farina Mattia, le condoglianze mie e del Senato. (Bene).

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 27 gennaio 1903.

Note:[Curiosità]: La famiglia era specializzata nell'allevamento dei cavalli.
Ringraziamenti:-Dott.ssa Daniela Fiorillo, biblioteca del Comune di Baronissi, e URP
-Dott. Antonio Scorza della Biblioteca provinciale di Salerno
Ufficio di stato civile di Baronissi


Attività 0949_Farina_Nicola_IndiciAP.pdf0949_Farina_Nicola_IndiciAP.pdf