SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


FERRARIS Carlo

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:08/15/1850
Luogo di nascita:MONCALVO (Alessandria)- oggi (Asti)
Data del decesso:09/10/1924
Luogo di decesso:ROMA
Padre:Bartolomeo
Madre:BOTTANO Maddalena
Nobile al momento della nomina:No
Nobile ereditarioNo
Coniuge:UGHETTO Albina
Fratelli:Giuseppe
Luogo di residenza:PADOVA
Titoli di studio:Laurea in giurisprudenza
Presso:Università di Torino
Professione:Docente universitario
Carriera giovanile / cariche minori:
Carriera:Professore ordinario di Statistica alla Università di Padova (19 aprile 1885)
Professore ordinario di Diritto amministrativo e Scienze dell'amministrazione alla Università di Padova (18 novembre 1896)
Rettore dell'Università di Padova (2 luglio 1891-1896)
Professore incaricato di Statistica teoretica presso la Scuola superiore di commercio di Venezia (1896)
Cariche amministrative:Consigliere comunale di Moncalvo
Cariche e titoli: Collaboratore de "Il Risorgimento" di Torino
Fondatore de "Annuario delle scienze giuridiche, sociali e politiche" (1880)
Membro del Consiglio superiore di statistica [1880-1883]
Membro della Commissione consultiva sulle Istituzioni di previdenza e sul lavoro (1883)
Direttore capo della Divisione [Istituti di credito e previdenza] presso il Ministero dell'agricoltura, industria e commercio (31 maggio 1883)
Membro del Consiglio superiore della pubblica istruzione (1° giugno 1893-31 maggio 1897) (1° giugno 1898-31 maggio 1902) (1° luglio 1903-30 giugno 1907) (1° luglio 1908-30 giugno 1913)
Membro della Giunta del Consiglio superiore della pubblica istruzione (1° giugno 1894-31 maggio 1897) (1° giugno 1898-31 maggio 1902) (1° luglio 1906-30 giugno 1907) (1° luglio 1908-30 giugno 1913)
Membro della Commissione parlamentare d'inchiesta sulle condizioni dei contadini, sui loro rapporti coi proprietari e sulla natura dei patti agrari nelle provincie meridionali e nella Sicilia (4 dicembre 1906)
Membro corrispondente dell'Istituto veneto di scienze, lettere ed arti di Venezia (16 giugno 1889)
Membro effettivo dell'Istituto veneto di scienze, lettere ed arti di Venezia (4 luglio 1897)
Membro effettivo pensionato dell'Istituto veneto di scienze, lettere ed arti di Venezia (4 gennaio 1912)
Vicepresidente dell'Istituto veneto di scienze, lettere ed arti di Venezia (5 aprile 1906-26 gennaio 1907)
Presidente dell'Istituto veneto di scienze, lettere ed arti di Venezia (27 gennaio 1907-25 novembre 1908)
Socio corrispondente dell'Accademia dei Lincei di Roma (27 luglio 1893)
Socio nazionale dell'Accademia dei Lincei di Roma (2 agosto 1898)
Membro del Consiglio superiore di previdenza
Membro effettivo dell'Istituto internazionale di statistica

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:11/24/1913
Categoria:03
05
18
19
I deputati dopo tre legislature o sei anni di esercizio
I Ministri segretari di Stato
I membri della Regia accademia delle scienze
dopo sette anni di nomina
I membri ordinari del Consiglio superiore di istruzione pubblica
dopo sette anni di esercizio
Relatore:Secondo Frola
Convalida:08/12/1913
Giuramento:09/12/1913
Annotazioni:Gruppo Senato: Non ascritto a gruppi

    .:: Onorificenze ::.

Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 22 dicembre 1892
Grande ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 29 febbraio 1920
Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia
Grande ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
XVI
Casale Monferrato (Alessandria III)
23-5-1886*
Centro-sinistra
Escluso per sorteggio per eccedenza nel numero dei deputati professori il 12 marzo 1887. Rielezione il 3 aprile 1887 e annullamento dell'elezione il 6 giugno 1887
XXII
Vignale
6-11-1904
Centro-sinistra
XXIII
Vignale
7-3-1909
Centro-sinistra


    .:: Senato del Regno ::.

Commissioni:Membro della Commissione incaricata di esaminare l'ordinamento ed il funzionamento dell'Amministrazione delle ferrovie dello Stato (18 dicembre 1914)
Membro della Commissione di finanze (17 marzo 1917-29 settembre 1919)Membro della Commissione per l'esame della relazione sul movimento dell'esportazione durante la guerra europea (29 aprile 1918)
Membro della Commissione parlamentare per l'esame della tariffa dei dazi doganali (13 dicembre 1918)
Membro della Commissione per l'esame del disegno di legge "Modificazioni alla legge elettorale politica" (11 agosto 1919)
Presidente della Commissione di finanze (5 dicembre 1919-7 aprile 1921) (17 giugno 1921-10 dicembre 1923) (2 giugno-9 ottobre 1924)
Membro della Commissione di contabilità interna (10 dicembre 1919-7 aprile 1921)
Membro della Commissione per l'esame del disegno di legge "Disposizioni per la sistemazione e la gestione statale dei cereali" (24 febbraio 1921)

    .:: Governo ::.

    Governo:
Ministro dei lavori pubblici (28 marzo-22 dicembre 1905)

    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Tommaso Tittoni, Presidente

      Onorevoli colleghi. Durante l'interruzione dei nostri lavori, dobbiamo piangere purtroppo la scomparsa di cari colleghi. [...]
      Gravissima perdita ci ha colpito colla morte, avvenuta il 9 ottobre in Roma, dopo lunga atroce infermità, del dottor professor Carlo Ferraris, benemerito Presidente della nostra Commissione di finanze. Nato in Moncalvo Monferrato il 15 agosto 1850, si laureò appena ventenne in giurisprudenza nell'Università di Torino, con una brillantissima dissertazione sulla ”Rappresentanza delle minoranze nel Parlamento” che fu premiata colla medaglia d'argento del Ministero dell'Istruzione.
      Recatosi all'estero a perfezionarsi, scrisse alcuni apprezzati lavori di economia e di statistica, tanto che il nostro compianto insigne collega Luigi Bodio lo volle suo collaboratore alla Direzione generale di Statistica per qualche tempo. La sua luminosa carriera universitaria si iniziò nel 1876 col conseguimento della libera docenza in economia politica nell'Università di Roma. Coprì poi in Pavia la prima Cattedra di Scienza dell'Amministrazione creata in Italia. Dopo una breve permanenza al Ministero dell'Agricoltura, Industria e Commercio colla carica di Capo divisione, insegnò statistica nelle Università di Roma e di Padova, dove passò poi alla Cattedra di Diritto Amministrativo e Scienza dell'Amministrazione, che tenne ininterrottamente. Dal 1891 al 1896 fu rettore di quel glorioso Ateneo, rendendosi altamente benemerito per numerose iniziative e riforme. A lui si deve, fra l'altro, la solenne celebrazione del terzo centenario galileiano. Per venti anni, dal 1893 al 1913, fu attivissimo membro del Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione.
      La sua attività politica ebbe un primo accenno nel 1886, quando fu eletto deputato per il collegio di Casalmonferrato, ma non poté allora conservare il mandato perché colpito dall'incompatibilità parlamentare per la sua carica di professore Universitario.
      Dopo una lunga interruzione, tornò alle lotte politiche nel 1904, quale deputato per il collegio di Vignale e l'anno dopo, nominato ministro dei Lavori Pubblici, ebbe a risolvere l'arduo problema dell'organizzazione dell'esercizio di Stato delle ferrovie, riuscendovi in modo mirabile, dopo un lavoro immane. Cessata la sua opera di ministro, fu per altri otto anni deputato, segnalandosi sempre per l'attivissima partecipazione ai lavori parlamentari: basti ricordare l'opera da lui svolta quale membro della Commissione d'inchiesta sull'amministrazione della guerra e dell'altra Commissione d'inchiesta sulle condizioni dei contadini nel Mezzogiorno ed in Sicilia.
      Il 24 novembre 1913 veniva nominato senatore e dire dell'opera sua in quest’Assemblea sarebbe perfino superfluo se non servisse a manifestare anche più vivamente il nostro grande cordoglio: innumeri furono le discussioni importanti cui egli partecipò sempre recando il contributo della sua coltura giuridica, della sua vasta competenza amministrativa e finanziaria; innumeri le relazioni da lui stese su argomenti svariatissimi, ma specialmente in politica finanziaria. E grandi benemerenze egli si è acquistato verso il paese, sovratutto per l'opera svolta nella sua qualità di membro e poi di Presidente della nostra Commissione di finanze, giacché nell'interesse del pubblico bilancio, non mancò mai di far sentire ai vari governi, consigli, richiami, avvertimenti molto apprezzati. Fu anche membro di altre importanti commissioni, come di quella interparlamentare sulle ferrovie, e di quella sulle tariffe doganali.
      Nella letteratura giuridica egli lascia un'orma non peritura, coi suoi lavori che toccano i campi più disparati, dalla statistica e dall'economia alla Scienza bancaria, dall'assicurazione obbligatoria di cui fu ardente sostenitore al diritto amministrativo puro, a questioni scolastiche e universitarie. La sua collaborazione era apprezzata ed ambita dalle più importanti riviste e collezioni di diritto e di sociologia non solo d'Italia, ma di tutto il mondo. Le sue benemerenze scientifiche gli erano valse la nomina a membro d'importanti consigli, quali, oltre al cennato Consiglio superiore della Pubblica Istruzione, i Consigli superiori di Statistica e della Previdenza. Era inoltre accademico dei Lincei, membro dell'istituto Veneto di Scienze, lettere ed arti, dell'Istituto Internazionale di statistica, delle Società di statistica Svizzera, Reale Inglese, Americana e di Parigi.
      Di Carlo Ferraris piacemi qui sovratutto esaltare l'altissimo, quasi religioso, senso del dovere, la operosità spinta fino all'abnegazione. Egli non sapeva cosa fosse riposo e già minato dal male che doveva poi così crudelmente martoriarlo, volle fino all'ultimo attendere alle sue molteplici occupazioni.
      Ben si può dire ch'egli ha speso tutta la sua vita in servizio della Scienza e della patria che amava di vivissimo amore.
      Ed il suo animo fu aperto a tutti i più dolci sentimenti dell'amicizia e dell'affetto familiare: e la sua vita fu sempre di un'ammirevole semplicità e modestia di costumi.
      A tutti noi egli fu collega carissimo e mirabile esempio di altruismo e di sacrifizio. Il suo nome è troppo intimamente legato ai lavori della nostra Assemblea perché il vuoto che lascia la sua dipartita possa essere tanto facilmente colmato.
      Inviamo alla sua nobilissima figura il nostro più reverente, commosso saluto, alla sua famiglia l'espressione del nostro profondo rammarico. (Bene).
      CASATI, ministro della pubblica istruzione. Chiedo di parlare.
      PRESIDENTE. Ne ha facoltà.
      CASATI, ministro per l'istruzione pubblica. Onorevoli senatori. Salutare in nome della scuola due insigni maestri anzi tempo scomparsi, quali Carlo Ferraris e [...], significa soprattutto riconoscere ciò che di vivo e di operante permane in noi del loro pensiero e del loro esempio di cittadini che mirabilmente seppero unire, ciascuno con note distintive del tutto proprie, alla passione disinteressata della cosa pubblica l'esercizio severo e scrupoloso dei doveri di insegnanti e di educatori. Non c'è infatti problema della pubblica amministrazione cui non sia legato il nome di Carlo Ferraris [...].

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 18 novembre 1924.

Note:Il nome completo risulta essere: "Carlo Francesco".
Secondo altra fonte il cognome della madre risulta essere:"Bottacco".

Ringraziamenti:Prof. Leopoldo Mazzarolli, presidente dell'Istituto veneto di scienze, lettere e arti
Dott. Carlo Urbani - Istituto veneto di scienze, lettere e arti


Attività 0974_Ferraris_Carlo_IndiciAP.pdf0974_Ferraris_Carlo_IndiciAP.pdf