SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori del Regno (1848-1943) » Scheda Senatore  


FASCIOTTI Eugenio

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:03/05/1815
Luogo di nascita:TORINO
Data del decesso:08/03/1898
Luogo di decesso:ROMA
Padre:Stefano
Madre:FILIPPI Clara
Nobile al momento della nomina:
Nobile ereditarioIncerto
Coniuge:GNECCO Carlotta
Figli: Clara
Carlo, diplomatico, che sposò in prime nozze la principessa Sofia GIUSTINIANI, e in seconde nozze Cecilia GIUSTINIANI, sorella della precedente
Fratelli:Celestino
Titoli di studio:Laurea in giurisprudenza
Professione:Diplomatico
Altre professioni:Prefetto
Carriera giovanile / cariche minori:Volontario al Ministero degli affari esteri (Regno di Sardegna) (1850) a Lione (1850), Console di I classe (Regno di Sardegna) (1860) a Napoli (1860), Agente e console generale (17 luglio 1861) a Tunisi (17 luglio 1861), Console generale di II classe (21 luglio 1861-23 novembre 1862. Collocato a disposizione del Ministero degli affari esteri. 5 gennaio 1882. Data del collocamento a riposo) a Tunisi (17 luglio 1861), Lisbona (21 settembre 1862. Non vi si recò)
Carriera:Inviato straordinario e ministro plenipotenziario onorario (5 gennaio 1882. Titolo conferito al momento del collocamento a riposo)
Prefetto di Bari (11 gennaio 1863)
Prefetto di Reggio Emilia (15 aprile 1866)
Prefetto di Catania (10 dicembre 1866)
Prefetto di Udine (15 ottobre 1867), (8 settembre 1876)
Prefetto di Cagliari (5 agosto 1871)
Prefetto di Padova (4 marzo 1877)
Prefetto di Napoli (15 gennaio 1879-16 novembre 1881)

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:12/13/1877
Categoria:17 Gli intendenti generali
dopo sette anni di esercizio
Relatore:Luigi Torelli
Convalida:14/05/1878
Giuramento:23/05/1878
    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro
Ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro (1860)
Grande ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 13 marzo 1877
Gran cordone dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro
Grande Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia
Cavaliere dell'Ordine del Nicham (Tunisi)


    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
        Tancredi Canonico,, Vicepresidente

        [...]
        Signori senatori. Nel breve intervallo corso dall’ultima nostra adunanza, tre colleghi ci furono dalla morte rapiti.
        Eugenio Fasciotti nacque in Torino il 5 marzo 1815. Conseguita la laurea in giurisprudenza, si dedicò alla carriera consolare e diplomatica, nella quale entrò nel gennaio 1840. Fu destinato dapprima a Lione in Francia, poscia a Tunisi e quindi a Napoli. Durante questo periodo della sua vita pubblica, il Fasciotti ebbe a fare diversi viaggi a scopo politico e commerciale, pei quali meritò elogi dal Governo. A Napoli rimase dal 1850 fino alla caduta del dominio borbonico; ed allora, avendo egli raggiunto il grado di console, ebbe parte nel Governo provvisorio coll'incarico di reggere la sezione degli affari esteri.
        Terminato questo incarico, fu nuovamente inviato a Tunisi; poscia promosso a console generale e, nel 1862, trasferito a Lisbona. Egli però chiese di non recarsi alla nuova destinazione; fu collocato in disponibilità, e nell'anno successivo nominato prefetto della Provincia di Bari. Dopo quella, resse altre provincie: Reggio Emilia, Catania, Udine, Cagliari, Udine di nuovo, Padova, Napoli. Fu collocato a riposo nel gennaio 1882.
        Nominato senatore con regio decreto del 13 dicembre 1877, egli soleva assistere assiduamente ai nostri lavori, finché glielo permise la malferma salute.
        È morto in Roma nelle ore mattutine dell'8 marzo, avendo compiuto da tre giorni l'ottantesimo terzo anno di età.
        Eugenio Fasciotti non è stato soltanto un intelligente e zelante funzionario durante tutta la sua lunga carriera; non soltanto un uomo integro e di carattere fermo, ligio al suo dovere assai più che alle voglie dei potenti: egli fu eziandio un sincero e benemerito patriota. Nei dieci anni in cui resse il consolato di Sardegna a Napoli, i liberali di quella regione ebbero nel Fasciotti un accorto e fedele intermediario col Piemonte, dove sventolava il vessillo tricolore, simbolo della libertà ed unità nazionale; ed il conte di Cavour ebbe in lui un efficace e sicuro collaboratore.
        Alle virtù civili egli accoppiava le private e domestiche.
        Amantissimo della famiglia e fedele alle amicizie, semplice e modesto, il suo conversare, pieno sempre di un retto senso acuito dalla lunga sua conoscenza degli uomini e delle cose, lo rendeva simpatico e caro a quanti lo avvicinavano.
        In nome del Senato, rendo tributo d'onore alla memoria di Eugenio Fasciotti! (Bene). [...]
        DI SAN MARZANO, ministro della guerra. Domando la parola.
        PRESIDENTE. Ha facoltà di parlare.
        DI SAN MARZANO, ministro della guerra. A nome del Governo aggiungo che esso sente vivamente la perdita dei senatori stati testé commemorati dal nostro Presidente, e la sente vivamente per le esimie qualità dei defunti, quali oltre alle qualità pregevoli individuali, hanno reso servizi eminenti al paese in funzioni governative ed in missioni, nelle quali lasciarono larga traccia dell’opera loro. (Bene).

        Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 23 marzo 1898.

Note:Il nome completo risulta essere: "Eugenio Vincenzo".

Attività 0953_Fasciotti_IndiciAP.pdf0953_Fasciotti_IndiciAP.pdf