SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori del Regno (1848-1943) » Scheda Senatore  


MAGLIANI Agostino

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:07/17/1824
Luogo di nascita:LAURINO (Salerno)
Data del decesso:21/02/1891
Luogo di decesso:ROMA
Padre:Luigi
Madre:SCARIATO Pascasia
Coniuge:GAMBACORTA Francesca
Figli: No
Fratelli:Roberto e Luigi
Parenti:MAGLIANI Edoardo, nipote, scrittore e professore di lettere
MAGLIANI Roberto
Luogo di residenza:ROMA
Indirizzo:Via del Gesù, 62
Titoli di studio:Laurea in giurisprudenza
Presso:Università di Napoli
Professione:Funzionario amministrativo
Altre professioni:Magistrato
Carriera giovanile / cariche minori:Capo sezione della Tesoreria generale dello Stato (Regno delle Due Sicilie) (19 maggio 1848), Ufficiale di ripartimento al Ministero delle finanze (Regno delle Due Sicilie) [post 1857], Ispettore generale delle finanze [post 1860]
Carriera:Consigliere della Corte dei conti (1867)
Presidente di sezione della Corte dei conti (1870)
Cariche governative:
Cariche politico - amministrative:Presidente del Consiglio provinciale di Salerno (17 novembre 1884-1891)
Cariche e titoli: Segretario generale del Ministero delle finanze (11 settembre-4 dicembre 1862)
Segretario generale della Corte dei conti (1863)
Membro della Società italiana di economia politica (1868)
Cofondatore della Società "Adamo Smith" (1874)
Collaboratore della rivista "L'Economista"
Socio ordinario dell'Accademia dei Georgofili di Firenze (23 febbraio 1871)
Socio emerito dell'Accademia dei Georgofili di Firenze (21 settembre 1884)

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:03/15/1871
Categoria:12 I Consiglieri del Magistrato di Cassazione e della Camera dei conti
dopo cinque anni di funzioni
Relatore:Gregorio Caccia
Convalida:18/04/1871
Giuramento:19/04/1871
Annotazioni:Prima nomina 06/02/1870 - cat. 12 - non convalidata
    .:: Onorificenze ::.

Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro
Grande ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro
Gran cordone dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 5 gennaio 1882
Grande ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia 4 giugno 1872
Gran cordone dell'Ordine della Corona d'Italia
Grande ufficiale dell'Ordine della Legion d'onore (Francia)
Commendatore dell'Ordine di Cristo (Portogallo)
Gran cordone dell'Ordine di Cristo (Portogallo)
Gran cordone dell'Ordine di Carlo III (Spagna)


    .:: Senato del Regno ::.

Commissioni:Membro della Commissione per l'esame del Codice sanitario (29 aprile 1871)
Membro della Commissione di finanze (28 novembre 1889-20 febbraio 1891)
Commissario di vigilanza al debito pubblico (31 gennaio 1889-20 febbraio 1891)

    .:: Governo ::.

Governo:Ministro delle finanze (26 dicembre 1877-24 marzo 1878), (19 dicembre 1878-14 luglio 1879), (25 novembre 1879-29 maggio 1881), (29 maggio 1881-25 maggio 1883), (25 maggio 1883-30 marzo 1884), (30 marzo 1884-29 giugno 1885), (29 giugno 1885-4 aprile 1887), (4 aprile 1887-29 dicembre 1888)
Ministro del tesoro (ad interim) (19 dicembre 1878-14 luglio 1879), (25 novembre 1879-29 maggio 1881), (29 maggio 1881-25 maggio 1883), (25 maggio 1883-30 marzo 1884), (30 marzo 1884-29 giugno 1885), (29 giugno 1885-4 aprile 1887), (4 aprile 1887-29 dicembre 1888)

    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Domenico Farini, Presidente

      Signori senatori! Nel giro di tredici giorni abbiamo avuto da deplorare cinque morti!
      [...]
      Ed in Roma mancava ai vivi, il senatore Agostino Magliani nelle prime ore del 21 di febbraio.
      In Laurino era nato addì 20 di luglio 1824, in Napoli aveva studiato giurisprudenza. Addetto a quel Tribunale civile, vari gradi conseguì poi nell'agenzia del contenzioso. Da capo di ripartimento del dicastero delle finanze, passò ispettore generale nell'amministrazione italiana, nella quale salì in bella rinomanza per la valentia addimostrata in quello e nei diversi uffici tenuti presso la Corte dei conti.
      Sullo scorcio del 1862 era stato, per breve tempo, segretario generale; dal dicembre 1877 al gennaio 1889, fu ministro delle finanze tre volte; in tutto circa 10 anni; di seguito per oltre nove. Fatto notevole in ogni Governo, straordinario nei parlamentari, il primo in Italia, bastevole a mostrare l'uomo.
      Di Agostino Magliani, del poderoso ingegno, della vasta cultura di lui, parla il luminoso segno che esso lascia nella storia contemporanea. Accenno, non narro.
      Al suo nome si collega l'ardita trasformazione tributaria che, sgravando i tributi sui consumi necessari alla vita, ed aggravando i meno necessari li proporzionava alla ricchezza del contribuente. Avvedimento di uomo di stato suggerito dal cuore pietoso, alla mente presaga dei pericoli sociali, per antivenirli con l'equità.
      Questo parevagli conforme all'indole, ai sentimenti, alle necessità del tempo presente; da altre necessità, parevangli richiesto l'alleviamento degli aggravi sulle terre, la perequazione loro, la soppressione del corso forzoso.
      Sotto l'impulso della sua mano sapiente, in tanta innovazione, il bilancio stava tetragono ad ogni riforma; il credito della finanza italiana, auspice il nome di lui, acquistava saldezza: tutto sembrava spirare pace pei contribuenti.
      Che se negli ultimi anni del suo Governo l'aumento delle spese e la crisi economica, che sull'Italia ebbe ed ha effetti, più che altrove, per la meno robusta complessione, perniciosi, fecero intristire la pubblica fortuna e si riaprì il baratro del disavanzo con tanti sacrifizi ricolmo; che se la fine della vita di lui non allietò l'aureola del successo, da cui, il politica traggono autorità sistemi e uomini; soltanto quando sia tolta l'angustia, che or farebbe velo ai giudizi, si potrà sentenziare quanta e quale parte gli incomba di responsabilità.
      Dimenticando l'ambiente nostrano e forastiero e le pressure di esso fu tassato di contraddizione per avere, lui libero scambista, nella riforma della tariffa doganale, sottomessa la dottrina all'opportunità: come se potesse chiamarsi in colpa di contraddizione chi, nell'applicare i teoremi della meccanica razionale, non trascurasse gli attriti e la resistenza dei materiali.
      Incontestabile intanto è sino da oggi che Agostino Magliani, economista valente, scrittore elegante, oratore limpidissimo, va annoverato fra i più notevoli finanzieri del tempo nostro. (Bene).
      Colla disposizione, colla chiarezza, colla proprietà del discorso volgarizzava ogni argomento, per arido che fosse: ogni astruso problema intorno al credito, alla moneta, alla circolazione bancaria, al lavoro, alla produzione, alla concatenazione e ripercussione dei fenomeni economici distendeva tanto pianamente dinanzi agli occhi di tutti, che agli ascoltatori, pur profani, le da lui udite parevano cose risapute.
      La cifre di un bilancio sciorinava con rara sicurezza; le risultanze non ne architettava a gretta scienza d'abbaco; non trattava le cifre come un'astrazione; per lui ogni cifra, quasi persona palpitante, rappresentava una parte della forza vitale della nazione: analizzava con rara maestria le cagioni d'ogni fatto economico o finanziario; con sintesi potente ne presagiva gli effetti, proponeva le risoluzioni.
      Schivo della fumosa eloquenza, aborrente dall'orpello, in ogni atteggiamento pubblico recava i modi semplici dello studioso, una cortesia, un'affabilità unica.
      Di animo mite, e modesto anche nei momenti del trionfo, non ebbe mai capogiro di ebbrezza: non lo scossero dalla calma bonaria, le critiche per quanto acerbe. Freddo, impassibile, in mezzo alle lotte, al fragore della vita pubblica, opponeva all'altrui rovello la placidezza.
      Benevoli ed avversari consentirono essere in lui all'eccellenza della mente rispondente la bontà del cuore. Chi con esso lui intimamente usò, seppe qual tesoro di rettitudine racchiudesse l'animo suo: molti gli vollero e gli desiderarono bene.
      È grande la perdita del Senato per la morte di Agostino Magliani; all'Italia è mancato uno statista insigne! (Bravo, benissimo).

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 10 marzo 1891.


Attività 1316_Magliani_IndiciAP.pdf