SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


MARCORA Giuseppe

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:10/14/1841
Luogo di nascita:MILANO
Data del decesso:04/11/1927
Luogo di decesso:MILANO
Padre:Giacomo
Madre:PEREGO Maria
Nobile al momento della nomina:No
Nobile ereditarioNo
Luogo di residenza:Milano
Indirizzo:Via Verziere 16
Altra residenza:Milano
Indirizzo:Via Pantano 11
Titoli di studio:Laurea in giurisprudenza
Presso:Università di Berna
Professione:Avvocato
Cariche amministrative:Consigliere comunale di Milano (1878-1884)
Cariche e titoli: Presidente del Congresso delle Società operaie di mutuo soccorso (Roma) (1871)
Membro della Commissione centrale di beneficenza della Cassa di risparmio per le province lombarde (1900-1905)
Vicepresidente della Commissione centrale di beneficenza della Cassa di risparmio per le province lombarde (1905-1911)
Presidente della Commissione centrale di beneficenza della Cassa di risparmio per le province lombarde (1911-1923)
Presidente onorario della Commissione centrale di beneficenza della Cassa di risparmio per le province lombarde (1900-1927)
Membro del Comitato nazionale per la storia del Risorgimento

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:05/01/1921
Categoria:02
03
Il Presidente della Camera dei deputati
I deputati dopo tre legislature o sei anni di esercizio
Relatore:Fabrizio Colonna
Convalida:18/06/1921
Giuramento:10/06/1922

    .:: Onorificenze ::.

Gran cordone dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 18 dicembre 1904
Cavaliere dell'Ordine Supremo della SS. Annunziata 4 febbraio 1909

    .:: Servizi bellici ::.

Periodo:1859 seconda guerra d'indipendenza
1860-1861 campagna per l'indipendenza e l'unità d'Italia
1866 terza guerra d'indipendenza
Arma:Cacciatori delle Alpi
Volontario:SI
Decorazioni:Medaglia d'argento al valore militare

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
XIII
Milano V
5-11-1876*
Estrema sinistra
Ballottaggio il 12 novembre 1876
XIV
Milano V
27-2-1881**
Estrema sinistra
Ballottaggio il 6 marzo 1881. Elezione in corso di legislatura
XV
Milano I
29-10-1882***
Estrema sinistra
Eletto anche nel collegio di Sondrio, optò per Milano I il 20 dicembre 1882
XVI
Milano I
23-5-1886
Estrema sinistra
XVIII
Sondrio
6-11-1892****
Estrema sinistra
Ballottaggio il 13 novembre 1892
XIX
Sondrio
26-5-1895
Estrema sinistra
XX
Sondrio
21-3-1897
Estrema sinistra
XXI
Sondrio
3-6-1900
Estrema sinistra
XXII
Sondrio
6-11-1904
Estrema sinistra
XXIII
Sondrio
7-3-1909
Estrema sinistra
XXIV
Sondrio
26-10-1913
Estrema sinistra
XXV
Como
16-11-1919
Gruppo radicale
Cariche:Vicepresidente (2 luglio 1900-18 ottobre 1904)
Presidente (1° dicembre 1904-10 marzo 1906. Dimissionario) (2 febbraio 1907-8 febbraio 1909) (25 marzo 1909-29 settembre 1913) (28 novembre 1913-29 settembre 1919)


    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
                Tommaso Tittoni, Presidente

                Onorevoli colleghi, durante le vacanze parlamentari lutti dolorosi ci hanno colpito.
                Un ardente italiano più non è: il 4 novembre, colpito da acuto morbo, l'avv. Giuseppe Marcora ha chiuso i suoi giorni in Milano ove era nato il 14 ottobre 1841.
                Giovinezza fremente di patrio entusiasmo fu la sua ed invero Egli, che venne crescendo mentre col sangue dei martiri si compiva la preparazione spirituale delle guerre per l'unità nazionale, agli studi di diritto alternò i più nobili ardimenti. Così lo si vide arruolarsi nelle file garibaldine e battersi da eroe dall'uno all'altro capo d'Italia nelle campagne dal 1859 al 1866, guadagnandosi il grado di ufficiale e la carica di capo di Stato maggiore di Brigata nonché la medaglia d'argento al valore.
                Veduto realizzarsi il suo sogno e completati gli studi, si dedicò all'esercizio dell'avvocatura in Milano e anche in essa portò il suo spirito ardente rivelandosi professionista di alto valore, ma una particolare passione egli dimostrò per l'agone politico ove più direttamente poteva contribuire alle fortune del paese. Fervido ammiratore di Giuseppe Mazzini, Egli iniziò la sua vita pubblica col partecipare vivamente alle lotte del partito di azione, ma il suo spirito equilibrato, all'indomani del compimento dell'unità della patria, lo fece collaborare senz'altro all'opera costruttrice dello Stato allora nascente. Onde, mentre nel consesso municipale milanese sedette proficuamente per lunghi anni e numerose elevate cariche tenne nelle amministrazioni locali, alla Camera dei deputati entrato fin dal 1876 fu per ben 12 legislature, dalla XIII alla XVI e dalla XVIII alla XXV, parlamentare di eccezionale operosità e talento. Fu membro infatti di numerose commissioni, relatore di importantissimi disegni di legge, fra cui ricorderò quello sul codice penale, e pronunziò forti ed elevati discorsi. Ma opera più altamente benemerita Egli spiegò quale presidente dell'Assemblea nel lungo tempo in cui fu a tale elevatissima carica chiamato, essendovi stato eletto, dal 1904, quattro volte e due volte essendo state respinte le dimissioni. La profonda conoscenza che aveva di uomini e cose, la grande competenza in materia regolamentare, la imparzialità e la fine arguzia furono doti eminenti che lo resero apprezzato e benemerito presidente: e sempre negli accesi dibattiti parlamentari - e furono tanti durante la sua presidenza, taluni soprattutto in periodi delicatissimi per la vita del paese - egli svolse opera di saggia moderazione acquistando alta autorità morale e le più larghe simpatie anche negli avversari. E dall'alto seggio il vecchio patriota non lasciò mai passare occasione senza affermare, talvolta assai arditamente, il suo grande amore per la patria: durante la grande guerra, alla quale egli partecipò col cuore, in memorande sedute fu magnifico interprete dei fervidi sentimenti dell'Assemblea, e più tardi, all'indomani della vittoria, seppe con parole degne esprimere il commosso e generale tripudio dei cuori.
                Il 1° maggio 1921 fu nominato senatore, ma l'insigne collega non poté partecipare assiduamente ai nostri lavori per le sue malferme condizioni di salute. Ora è scomparso, ma la sua grande figura rimarrà incancellabile nei nostri cuori come in quelli di tutti gli italiani per i grandi servigi che ha reso alla nazione.
                Inchiniamoci reverenti innanzi alla sua nobile memoria e alla famiglia inviamo le nostre vivissime condoglianze. (Benissimo). [...]
                FEDELE, ministro della pubblica istruzione. Domando di parlare.
                PRESIDENTE. Ne ha facoltà.
                FEDELE, ministro della pubblica istruzione. In nome del Governo dichiaro di associarmi alle nobili parole di compianto pronunciate dal Presidente per la scomparsa degli illustri membri di questa Assemblea.

                Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 6 dicembre 1927.


Attività 1368_Marcora_IndiciAP.pdf