SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


FERRARIS Luigi

  
  


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:03/06/1813
Luogo di nascita:SOSTEGNO (Novara)-oggi (Biella)
Data del decesso:17/10/1900
Luogo di decesso:TORINO
Padre:Niccolò
Madre:BOZZI Laura
Nobile al momento della nomina:No
Nobile ereditarioNo
Titoli nobiliariConte, titolo concesso con regio decreto del 13 agosto 1880 e con regie patenti del 14 novembre 1882
Coniuge:MALVANI Ottavia
Coniuge:PIGORINI Angela
Figli: Bianca Laura, sposa Vittorio Ferraris, e Cesare, figli di Ottavia MALVANI
Luigi Angiolo, figlio di Angela PIGORINI
Fratelli:Marianna, sposa Giovanni THOMITZ
Luogo di residenza:TORINO
Indirizzo:Piazza Solferino, 6
Titoli di studio:Laurea in giurisprudenza
Presso:Università di Torino
Professione:Avvocato
Cariche politico - amministrative:Sindaco di Torino (31 gennaio 1878-12 ottobre 1882)
Presidente del Consiglio provinciale di Torino (1881)
Cariche amministrative:Consigliere comunale di Torino (1849-1884)
Consigliere provinciale di Torino (1865-1883)
Cariche e titoli: Presidente dell'ordine degli avvocati di Torino (post 15 novembre 1871)
Ministro di Stato (post dicembre 1891)
Presidente del Comitato esecutivo per l'Esposizione universale di Torino del 1884

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:11/15/1871
Categoria:03
05
I deputati dopo tre legislature o sei anni di esercizio
I Ministri segretari di Stato
Relatore:Giacomo Astengo
Convalida:30/11/1871
Giuramento:30/11/1871

    .:: Onorificenze ::.

Grande uffciale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 28 luglio 1878
Gran cordone dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 1° novembre 1879
Cavaliere dell'Ordine civile di Savoia 20 febbraio 1898

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
I
Trino
27-4-1848*
Liberali costituzionali
Ballottaggio il 28 aprile 1848. Eletto contemporaneamente nel collegio di Cigliano fu sorteggiato per quello di Trino il 22 maggio 1848
IV
Torino VI
2-2-1850**
Liberali costituzionali
Ballottaggio il 3 febbraio 1850. Elezione in corso di legislatura. Annullamento dell'elezione l'8 febbraio 1850
VIII
Torino II
5-7-1863***
Liberali costituzionali
Ballottaggio il 9 luglio 1863. Elezione in corso di legislatura
IX
Torino II
22-10-1865
Liberali costituzionali
X
Torino II
10-3-1867****
Liberali costituzionali
Cessazione per nomina a ministro dell'interno. Rieletto il 30 maggio 1869
XI
Torino II
20-11-1870*****
Liberali costituzionali
Ballottaggio il 27 novembre 1870. Cessazione per nomina a senatore
Cariche:Vicepresidente (21 dicembre 1866-13 febbraio 1867)


    .:: Senato del Regno ::.

Commissioni:Membro della Commissione di finanze (1° febbraio 1889-26 gennaio 1898. Dimissionario)
Membro della Commissione per l'esame del disegno di legge "Modificazioni alla legge sul Consiglio di Stato" (13 febbraio 1889)
Membro della Commissione per la verifica dei titoli dei nuovi senatori (30 marzo 1889-17 ottobre 1900)
Membro della Commissione dei Cinque [per l'esame dei documenti presentati al Senato in seguito all'ispezione governativa degli Istituti di emissione] (23 dicembre 1893-13 gennaio 1895)
Membro della Commissione per l'esecuzione della legge sull'abolizione del corso forzoso (14 giugno 1895)
Commissario di vigilanza all'Amministrazione del Fondo per il culto (27 dicembre 1888-4 gennaio 1889), (23 dicembre 1889-27 settembre 1892)
Commissario di vigilanza al debito pubblico (31 gennaio 1889-27 settembre 1892)

    .:: Governo ::.

Governo:Ministro dell'interno (13 maggio-22 ottobre 1869)
Ministro di grazia e giustizia e dei culti (9 febbraio-31 dicembre 1891)

    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
    Stanislao Cannizzaro, Vicepresidente

    Signori senatori,
    [...]
    Il 17 ottobre scorso, nella sua villa di Valsalice presso Torino, spirava il veterano della prima legislatura del Parlamento subalpino, il conte Luigi Ferraris, che nello scorso agosto abbiamo salutato ancora agile e svelto, accorso appositamente tra noi per prender viva parte alle manifestazioni cui diede luogo la sciagura di Monza.
    Era nato in Sostegno nella Provincia di Novara, ma condotto sin dall'infanzia a Torino vi si fermò per tutta la vita ed amò questa città come suo luogo natio.
    Addottoratosi nell'Ateneo torinese acquistò, ancor giovane, la riputazione di valente avvocato ed ebbe ben tosto ricca e scelta clientela.
    Al primo scatto del risveglio politico d'Italia fu tra i primi e più animosi cittadini piemontesi che, affrontando non lievi pericoli, manifestarono apertamente le proprie idee liberali e le proprie ardite speranze politiche; e nell'ottobre del 1847 firmò con 16 suoi compagni un coraggioso atto di protesta sulle violente repressioni della troppo zelante polizia di Torino contro un pacifico assembramento popolare nel quale, acclamando a Pio IX, si erano chieste riforme a Carlo Alberto.
    Quel primo atto della sua vita politica e le prove che aveva già dato nel foro di facondo ed animato oratore, lo additarono qual candidato liberale nella prima elezione fatta per il Parlamento subalpino; riescì di fatto allora eletto nei collegi di Cigliano e di Trino, pure avendo nel primo di essi a competitore Camillo Cavour.
    Rimase deputato per il collegio di Trino durante la prima sola legislatura cioè a tutto il 30 dicembre 1848. Rientrò poi nella Camera elettiva nel 1863 cioè nella seconda sessione della ottava legislatura, quando al posto di Maglietti, nominato senatore, riescì egli eletto dal 2° collegio di Torino, il quale poi lo riconfermò senza interruzione per le successive legislature sin che durante la 11ª, il 15 novembre 1871 fu nominato senatore.
    Da deputato fu Vicepresidente della Camera nella 9ª legislatura, dal 15 dicembre 1866 al 13 febbraio 1867, e ministro dell'interno dal 13 maggio al 14 dicembre 1869.
    Da senatore fu ministro della giustizia dal 6 febbraio al 31 dicembre 1891.
    Egli fu inoltre sindaco di Torino per quattro anni dal febbraio 1878 all'ottobre 1882, e presidente del Consiglio provinciale per molto tempo.
    Taccio di altri minori incarichi pubblici.
    Nell'ottobre 1880 fu insignito del titolo di conte, trasmissibile agli eredi e nel dicembre 1891 fu nominato ministro di Stato.
    La mostra che il Ferraris faceva nelle discussioni della sua dottrina in giurisprudenza, la sua animata e colorita facondia; il calore con cui manifestava la sua fede nei grandi principî liberali, la fiducia in sé e la sicurezza con cui affermava i propri assunti ed infine l'assiduità alle sedute e la operosità nell'adempiere gli incarichi, diedero a lui una notevole autorità ed un posto spiccato e rilevante nei partiti politici durante il secondo dei tre periodi in cui può dividersi la sua vita parlamentare.
    Nel primo periodo, che fu brevissimo, cioè durante la sola prima legislatura chiusa col 1848, il Ferraris militò tra i più audaci deputati che spinsero il Governo piemontese alla pronta ripresa della guerra d'indipendenza offrendogli e votando i mezzi per condurla più efficacemente; sostenne altresì che la espulsione dei gesuiti dovesse anche estendersi alle Dame del sacro Cuore, la cui opera nell'educazione sarebbe riuscita nociva alle istituzioni liberali.
    Il secondo periodo che va dal 1863 al 1871 fu il più operoso ed il più agitato della vita politica del Ferraris. Egli intervenne nella discussione di quasi tutti i disegni di legge che in quelle legislature furono votati e di parecchi dei più importanti fu intelligente ed efficace relatore.
    È ben noto com'egli sia stato uno dei più accaniti oppositori alla Convenzione del 15 settembre 1864 contenente il trasferimento della capitale a Firenze.
    Quella convenzione ed il modo brusco come fu divulgata parve a lui e a non pochi altri un'immeritata offesa alla città di Torino ed una minaccia di rinunzia allo stabilimento in Roma della capitale definitiva d'Italia.
    Uomini politici di diverse gradazioni dell'opinione liberale, tra i quali il Ferraris, si riunirono allora in un partito che fu detto della permanente allo scopo di combattere quella convenzione e d'impedirne gli effetti temuti, con un programma di opposizione continua e permanente ad ogni Governo che si adagiasse tranquillo alla nuova sede e non facesse opera sollecita per trasferire in Roma la capitale definitiva.
    Coerente a tal programma, il deputato Ferraris continuò ad essere tra i più impazienti ed ardenti promotori del compimento del programma nazionale.
    Difatti, nella seduta della Camera elettiva del 9 dicembre 1867, appoggiò calorosamente la proposta Bargoni per la conferma della proclamazione di Roma a capitale, ed a proposito degli avvenimenti dell'Agro romano, svolse un ordine del giorno col quale riaffermando il diritto della nazione a compiere la sua unità, invocava un Governo che sapesse far riconoscere un tal diritto. E nella seduta del 20 agosto 1870, finalmente, discutendosi la legge sull'armamento, propose che la Camera confermasse al Governo la forza e l'autorità per compiere con Roma capitale le aspirazioni nazionali.
    Queste aspirazioni furono felicemente soddisfatte un mese dopo, il 20 settembre.
    La storia riconoscerà in qual misura, al corso degli avvenimenti di quel tempo, abbiano contribuito le calde sollecitazioni simili a quelle fatte dal Ferraris rivolte ad impedire che l'Italia si adagiasse nella capitale provvisoria.
    Risoluta la questione scottante della capitale, ed entrato il Ferraris a far parte del Senato, incominciò il terzo ed ultimo periodo, il più calmo e il più sereno della sua vita politica.
    Emancipato dai legami dei partiti militanti nella Camera, pur conservando i suoi principî, si diede a compiere l'ufficio di senatore con mirabile ed operosa assiduità apportando in tutte le discussioni il contributo della sua dottrina e della sua matura esperienza e non disdegnando di far parte degli uffici più laboriosi. Acquistò così tra noi profonda stima e simpatia per il carattere integro, leale e ad un tempo franco e festevole; e per la freschezza giovanile con cui prendeva interesse in ogni argomento nobile ed elevato.
    Piangiam dunque, a ragione, la perdita dell'amato collega che era per noi un gradito vivente ricordo dell'epopea del risorgimento italiano al quale aveva preso parte fin dall'inizio. (Approvazioni). [...]
    GIANTURCO, ministro di grazia e giustizia. Domando di parlare.
    PRESIDENTE. Ha facoltà di parlare.
    GIANTURCO, ministro grazia e giustizia. [...]
    Ma mi permetta il Senato che io faccia speciale ricordo del conte Luigi Ferraris che fu già ministro di grazia e giustizia, poiché in quel Ministero ancora profonde e vive sono le tracce dell'opera sua, non essendovi forse parte alcuna del nostro diritto civile o penale o delle intricate e profonde questioni sui rapporti fra Chiesa e Stato in cui non vi sia traccia e pensiero o opera del conte Luigi Ferraris. Non mai forse fu più vera che in lui la sentenza che gli anni non invecchiano quanto è giovane il cuore: e Luigi Ferraris anche nella sua tardissima età aveva giovane il cuore, come giovane e fresca la mente, e freschi gli studi ed in tutto portava una nota che quasi non faceva avvertire la lunga serie di anni che pesava sul suo capo. Anche a sentirlo parlare delle più intricate questioni giuridiche non pareva parlasse un vecchio giureconsulto antiquato, bensì uno studioso, che avesse sempre seguito i progressi della scienza e gli studi più recenti.
    Permetta il Senato che io appartenendo a quella generazione che nulla ha fatto per l'Italia, a una generazione che non ha potuto contribuire a farla, in nome di questa generazione, mandi un saluto riverente, affettuoso alla memoria di quel veterano del Parlamento subalpino, alla memoria di lui, che rappresentava cinquant'anni della storia politica e civile, di quella grande storia dalla quale attingiamo tutti i giorni ed insegnamenti e vigore di fede per l'avvenire del nostro paese. (Approvazioni). [...]
    NEGROTTO. Domando la parola.
    PRESIDENTE. Ha facoltà di parlare il senatore Negrotto.
    NEGROTTO. Onorevoli colleghi; dopo le splendide commemorazioni testé lette dall'onorevolissimo nostro Presidente, voi comprenderete come io mi sarei molto volentieri astenuto in questo momento dal chiedere la parola.
    Ma vi sono dei doveri di colleganza e di amicizia, ai quali un uomo, cui batte un cuore in petto, non può tacere, ed io quest'oggi parlerò brevemente sì, ma dirò quanto ha meritato il nostro caro ed onorevole Luigi Ferraris.
    Luigi Ferraris è sempre stato un patriota e uomo di carattere e, sventuratamente per il Parlamento italiano, lo dico con dolore, specialmente in questo momento, è una sventura cui dobbiamo sottostare, il carattere è diventato una merce rara. E sapete perché? Chi è riuscito a farla diventar rara? È stata specialmente l'introduzione del trasformismo, cui certo il Ferraris non ha mai aderito.
    E di vero, un uomo che sia stato eletto in Parlamento non può avere meno di 30 anni, e a tale età parmi poter affermare, senza tema d'esser contraddetto, che l'uomo debba già sapere quello che vuole, e se non lo sa, non è un uomo politico, è un meschino. Ecco perché al Ferraris ben si può anche attribuire il merito di avere costantemente appartenuto al suo partito politico.
    Egli in tutte le funzioni che ha esercitato, come ministro, come senatore e come deputato, è stato un uomo costantemente retto, un uomo che ha sempre servito il proprio paese per il bene della patria e del Re.
    Ora domando, se trattandosi di un uomo come questo, essendogli io stato amico personale e politico, ed avendo per molti anni avuto l'onore di appartenere seco lui alla Camera ed al Senato, avrei oggi potuto astenermi dal prendere la parola?
    Onorevoli colleghi, nutro la certezza che voi non vorrete contraddirmi, quando vi dico che il Ferrari ha ben meritato della patria e del Re. (Vive approvazioni).

    Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 22 novembre 1900.


Attività 0977_Ferraris_Luigi_IndiciAP.pdf0977_Ferraris_Luigi_IndiciAP.pdf