SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori del Regno (1848-1943) » Scheda Senatore  


MARTINENGO Leopardo

  







   Indice dell'AttivitÓ Parlamentare   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:12/21/1805
Luogo di nascita:BRESCIA
Data del decesso:06/08/1884
Luogo di decesso:GALZIGNANO (Padova)
Padre:Lodovico
Madre:MICELI Cecilia, nobile
Nobile al momento della nomina:Si
Nobile ereditarioSi
Titoli nobiliariConte palatino
Conte di Villachiara e Villagana
Coniuge:Celibe
Fratelli:Giustina
Maddalena, che spos˛ Luigi DonÓ dalle Rose, ed era madre di Lodovico e Antonio
Titoli di studio:Laurea in giurisprudenza
Presso:UniversitÓ di Padova
Professione:Possidente
Cariche politico - amministrative:Segretario della Consulta (Venezia) (1848)
Presidente del Consiglio provinciale di Venezia (1867-1869)

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:05/24/1863
Categoria:05
21
I Ministri segretari di Stato
Le persone che da tre anni pagano tremila lire d'imposizione diretta in ragione dei loro beni o della loro industria
Relatore:Casati Gabrio [inizialmente il relatore doveva essere Paleocapa, ma pass˛ il testimone a Casati]
Convalida:25/06/1863
Giuramento:25/06/1863
    .:: Onorificenze ::.

Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia


    .:: Governo ::.

Altri Stati:Ministro segretario di Stato (Repubblica di Venezia) (1848-1849)

    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
Giacomo Durando, Presidente

Onorevoli colleghi! Mi tocca di compiere il doloroso ufficio di annunziarvi che nel breve periodo delle ultime vacanze parlamentari il Senato lament˛ la perdita di ben dieci senatori. [...]
Il 6 agosto fu l'ultimo della vita del conte Leopardo Martinengo che trovavasi in una sua villa presso Battaglia. Era nato nel 1805, e senatore dal maggio del 1863. Apparteneva ad una illustre famiglia bresciana ascritta al patriziato veneziano. Dotato di ricco censo ne rivolgeva gran parte in opere benefiche e nella raccolta di oggetti di arte preziosi di cui era intelligente ed amantissimo. Lasci˛ stima imperitura di uomo buono, integro, e benefico. [...]
Dopo questi brevi cenni sopra i dieci senatori che ci mancarono prima di riprendere i nostri lavori, io credo di associarmi ai sentimenti dei miei colleghi nel deplorarne di tutti amaramente la perdita.

Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 28 novembre 1884.


AttivitÓ 1394_Martinengo_IndiciAP.pdf