SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori del Regno (1848-1943) » Scheda Senatore  


TOLOMEI Bernardo

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:11/15/1823
Luogo di nascita:MILANO
Data del decesso:01/05/1910
Luogo di decesso:SIENA
Padre:Niccolò
Madre:RESTA Camilla
Nobile al momento della nomina:Si
Nobile ereditarioSi
Titoli nobiliariConte, titolo riconosciuto con diploma cesareo del 22 dicembre 1700 e successivamente nel 1896
Coniuge:MAZZARELLI Rosalia Maria
Figli: Emilio, padre di Claudio e Camilla;
Pia Camilla;
Alberto
Fratelli:Giuseppina Camilla
Parenti:TOLOMEI Lelio, avo paterno
Professione:Possidente
Cariche politico - amministrative:Gonfaloniere, sindaco di Siena (1861-1866) (1867-1869)
Presidente del Consiglio provinciale di Siena
Cariche amministrative:Consigliere provinciale di Siena
Membro della Deputazione provinciale di Siena
Cariche e titoli: Socio onorario dell'Accademia dei Fisiocritici di Siena

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:01/26/1889
Categoria:16
21
I membri dei Consigli di divisione
dopo tre elezioni alla loro Presidenza
Le persone che da tre anni pagano tremila lire d'imposizione diretta in ragione dei loro beni o della loro industria
Relatore:Tommaso Celesia
Convalida:13/02/1889
Giuramento:28/03/1889
    .:: Onorificenze ::.

Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia
Grande ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia 28 gennaio 1904
Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 13 ottobre 1890


    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Giuseppe Manfredi, Presidente

      Onorevoli colleghi. Ci è dato un funebre annunzio: è morto ieri in Siena il conte Bernardo Tolomei, senatore dal 26 gennaio 1889. La grave età e le infermità da parecchi anni ci tenevan privi della sua presenza: ora è fra quelli, de' quali piangiamo la perdita. Nacque in Milano il 15 novembre 1823: ma di sangue senese, discendente di quella famiglia de' Tolomei cospicua d'antichità e di storia. Vedeva il conte Bernardo ne' suoi antenati d'ogni specie virtù e grandezza; dignità in uffici, valore d'armi e potenza; lettere e dottrina; ne' mancarvi benefattori dell'umanità e munificenti. Non fu egli degenere: visse nobilmente e bene operò. Ammaestrata nei viaggi la giovinezza, fu lunghi anni abilmente e zelantemente capo dell'amministrazione comunale di Siena, gonfaloniere un tempo, sindaco poi; e per molte sessioni degno presidente del Consiglio provinciale. Ebbe in lui il generoso fautore lo spettacolo annuale, onde vanno famose le Contrade di Siena. Pregi della persona teneva pari all'altezza del casato e di pari considerazione godeva nella città. Spoglio di alterigia, con l'affabile arguzia e le maniere bonarie attraevasi l'affetto d'ogni ceto: cosicché di tutto il popolo senese oggi è il compianto attorno al suo feretro; come popolare sarà l'amore e la riverenza alla sua memoria. La quale anche tra noi durerà sommamente onorata. (Approvazioni).
      FINALI. Domando di parlare.
      PRESIDENTE. Ne ha facoltà.
      FINALI. Il conte Bernardo Tolomei pareva la personificazione della città di Siena.
      Quand'egli passava per le vie della città, tutti lo salutavano, in segno di onore e di amicizia. Discendente da una delle più illustri famiglie di quella città, in cui la rinascenza si manifesta in grandiosi monumenti ed in insuperabili opere d'arte, alla dignità del portamento e della persona egli univa una affabilità cortese e gentile, che lo rendeva accessibile e caro ad ogni ordine di cittadini.
      Ultimo gonfaloniere di Siena fu anche il suo primo sindaco: fu poi presidente del Consiglio provinciale; ed in ogni pubblico ufficio curò con vero intelletto di amore gli interessi locali, studioso di ogni progresso ed inspirato sempre ad un alto sentimento nazionale.
      Fin dalla prima giovinezza egli operò in quei modi che le circostanze consentirono per la redenzione della patria e pel trionfo della libertà.
      La sua nomina a senatore fu salutata dalla città di Siena come un onore reso alla città stessa. Da ieri Siena lo piange; oggi il Senato mandi il suo rimpianto alla città di Siena ed alla desolata famiglia. (Vive approvazioni).
      RAINERI, ministro di agricoltura, industria e commercio. Domando di parlare.
      PRESIDENTE. Ne ha facoltà.
      RAINERI, ministro di agricoltura, industria e commercio. Alle parole calde di affetto, che alla memoria del senatore Tolomei hanno mandato l'illustre Presidente del Senato ed il senatore Finali, il Governo si associa, per bocca mia, con animo riverente e commosso.

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 2 maggio 1910.

Note:Il nome completo risulta essere: "Giovanni Bernardo".

Attività 2207_Tolomei_Bernardo_IndiciAP.pdf