SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori del Regno (1848-1943) » Scheda Senatore  


PERSICO Angelo

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:11/02/1853
Luogo di nascita:TORINO
Data del decesso:26/12/1924
Luogo di decesso:ROMA
Padre:Emilio
Madre:PELUFFO Emilia
Nobile al momento della nomina:No
Nobile ereditarioNo
Coniuge:GROSSI Giulia
Coniuge:VANNUCCINI Lida
Figli: Amedeo, segretario generale della provincia di Firenze
Tre figli, non si sa il nome
Luogo di residenza:ROMA
Indirizzo:Via del Plebiscito, 107
Titoli di studio:Laurea in giurisprudenza
Presso:Università di Torino
Professione:Magistrato
Carriera giovanile / cariche minori:Sostituto procuratore presso il Tribunale di Vigevano (2 luglio 1882), Giudice del Tribunale di Genova (29 agosto 1885), Giudice del Tribunale di Firenze (25 settembre 1888), Vicepresidente del Tribunale di Napoli (22 luglio 1893), Presidente del Tribunale di Trapani (8 luglio 1894), Presidente del Tribunale di Siena (30 dicembre 1894)
Carriera:Consigliere della Corte d'appello di Firenze (3 marzo 1895)
Presidente del Tribunale di Firenze (27 maggio 1900)
Consigliere della Corte di cassazione di Roma (27 giugno 1907)
Consigliere della Corte di cassazione di Firenze (9 febbraio 1908)
Primo presidente della Corte d'appello di Lucca (1° novembre 1914)
Presidente di sezione della Corte di cassazione di Roma (17 febbraio 1916)
Primo presidente della Corte d'appello di Roma (5 maggio 1919)
Primo presidente della Corte di cassazione di Firenze (10 agosto 1922- 1° novembre 1923. Data del collocamento a riposo)

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:10/03/1920
Categoria:09 I primi Presidenti dei Magistrati di appello
Relatore:Raffaele Perla
Convalida:09/12/1920
Giuramento:10/12/1920
Annotazioni:Gruppo Senato: liberale democratico, poi Unione democratica
    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia 25 giugno 1885
Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia 9 giugno 1910
Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia 26 maggio 1912
Grande ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia 21 gennaio 1917
Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 2 giugno 1902
Ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 2 marzo 1911
Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 4 giugno 1916
Grande ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 10 giugno 1920


    .:: Senato del Regno ::.

Commissioni:Membro supplente della Commissione d'istruzione dell'Alta Corte di giustizia (28 giugno 1921-10 dicembre 1923) (3 giugno-26 dicembre 1924)

    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Tommaso Tittoni, Presidente


      Onorevoli colleghi. Altri lutti dolorosi ci hanno purtroppo colpito nel non lungo intervallo dei nostri lavori. [...]
      Il 26 dicembre 1924, spirava improvvisamente in Roma l'avvocato Angelo Persico. La sua fulminea scomparsa ci riempie ancora l'animo di angoscioso stupore, giacché poche ore prima si era trattenuto, sereno e gioviale come sempre, in mezzo a noi.
      Nato di cospicua famiglia in Torino il 2 novembre 1853, a 21 anni si laureava in giurisprudenza in quell'Ateneo e due anni dopo iniziava la carriera giudiziaria in cui doveva percorrere sì splendido cammino. Nel 1895 consigliere di Corte d’appello, nel 1907 consigliere della Suprema corte di cassazione di Roma, promosso nel 1914 primo presidente della Corte d’appello di Lucca, due anni dopo tornò a Roma, presidente della sezione Civile della Cassazione.
      Primo presidente della Corte d’appello di Roma nel 1919, venne nel 1922 nominato primo presidente di Cassazione, nel qual grado, raggiunto dai limiti di età, chiuse recentemente la sua luminosa carriera.
      Nella magistratura italiana Angelo Persico per la sua altezza d'ingegno e di sapere come per le sue virtù personali, ha lasciato un ricordo che non tanto presto si dissiperà. Studioso profondo delle discipline giuridiche, sovratutto di diritto privato, contribuì notevolmente alla soluzione d'importanti questioni; membro autorevole di numerose commissioni, presiedette recentemente con impareggiabile zelo e competenza la Commissione per la riforma del Codice della marina mercantile.
      Uomo di carattere altamente indipendente ed austero, unito a rara squisitezza e signorilità di tratto, fu modello di virtù civili e famigliari e la sua nobile figura resterà indelebile nei nostri cuori.
      Il 3 ottobre 1920, a riconoscimento dei suoi meriti insigni, venne nominato senatore e partecipò sempre con esemplare assiduità ai nostri lavori: non va dimenticata, fra l'altro, l'opera sua, nella passata legislatura e nella presente, quale relatore di un importante disegno di legge per riforma alla legislazione marittima, cui portò il grande contributo della sua dottrina e della sua esperienza. La fiducia del Senato lo chiamò anche a far parte della Commissione d'istruzione dell'Alta Corte di giustizia, cui dette attiva e apprezzatissima opera.
      Vada ad Angelo Persico, al collega carissimo, al cittadino esemplare, che tutta la sua vita dedicò all'adempimento del dovere, vada il nostro mesto reverente saluto: alla famiglia a lui dilettissima e così crudelmente orbata, vada l'espressione del nostro più vivo sincero cordoglio. (Bene). [...]
      FEDERZONI, ministro dell'interno. Domando di parlare.
      PRESIDENTE. Ne ha facoltà.
      FEDERZONI, ministro dell'interno. Alle parole nobilmente dette dall'illustre Presidente di questa Assemblea il Governo desidera aggiungere l'espressione del suo fervido compianto per la perdita dei senatori Persico,
      [...]
      i quali tutti, nell'esercizio dei più alti uffici pubblici, nell'attività svolta in Parlamento, nell'acquisto delle maggiori benemerenze civili, lasciarono traccia luminosa e ricordo meritorio dell'opera data per la patria. (Bene).

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 20 gennaio 1925.

Note:Il nome completo risulta essere: "Angelo Gaetano Giuseppe".

Attività 1722_Persico_IndiciAP.pdf