SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori del Regno (1848-1943) » Scheda Senatore  


VIGANÒ Ettore

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:04/27/1843
Luogo di nascita:TRADATE (Como) - oggi (Varese)
Data del decesso:08/08/1933
Luogo di decesso:FIRENZE
Padre:Francesco
Madre:PANCERA Rachele
Nobile al momento della nomina:No
Nobile ereditarioNo
Coniuge:OPERTI Carlotta Annunziata
Coniuge:DAL CO Ernestina
Luogo di residenza:FIRENZE
Indirizzo:Via Giusti, 8
Titoli di studio:Scuola militare
Scuole militari:Accademia militare (26 settembre 1861)
Scuola di guerra (1871)
Professione:Militare di carriera (Esercito)
Carriera giovanile / cariche minori:Sottotenente (5 ottobre 1862), Tenente (13 agosto 1865), Capitano (9 dicembre 1872), Maggiore (27 marzo 1879), Tenente colonnello (9 dicembre 1883)
Carriera:Colonnello (8 aprile 1888)
Maggiore generale (22 dicembre 1895)
Tenente generale (20 gennaio 1901)
Cariche politico - amministrative:Vicegovernatore della Colonia Eritrea (28 agosto 1896)
Governatore della Colonia eritrea (18 aprile-30 novembre 1897)
Cariche e titoli: Capo di Stato maggiore del comando in capo delle truppe in Africa (6 novembre 1887-23 maggio 1888)
Direttore in seconda dell'Istituto geografico militare (2 aprile 1891-24 dicembre 1893)
Direttore dell'Istituto geografico militare (9 dicembre 1897-26 gennaio 1902)
Comandante in seconda della Scuola dei sottoufficiali (24 dicembre 1893-2 ottobre 1895)
Rappresentante il Ministero della guerra presso il Consiglio superiore pei lavori geodetici (14 maggio 1891-27 maggio 1894)
Membro della Commissione geodetica italiana (23 aprile 1898-febbraio 1902)
Socio della Società geografica italiana (1904)

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:06/05/1906
Categoria:05 I Ministri segretari di Stato
Relatore:Antonino Di Prampero
Convalida:19/06/1906
Giuramento:19/06/1906

    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia 2 giugno 1881
Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia 21 dicembre 1890
Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia 28 maggio 1895
Grande ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia 27 maggio 1900
Gran cordone dell'Ordine della Corona d'Italia 10 gennaio 1907
Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 13 gennaio 1884
Ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 24 maggio 1888
Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 17 gennaio 1904
Grande ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 30 giugno 1904
Gran cordone dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 29 dicembre 1907
Ufficiale dell'Ordine militare di Savoia 16 gennaio 1898

    .:: Servizi bellici ::.

Periodo:1860 campagna d'Ancona e Bassa Italia
1866 terza guerra di indipendenza
1887-1888, 1897 campagna d'Africa
Arma:Esercito: artiglieria, fanteria
Decorazioni:Medaglia per l'Indipendenza e l'Unità d'Italia; Medaglia col motto "Unità d'Italia 1848-1870"; Medaglia a ricordo delle campagne d'Africa; Croce d'oro per anzianità di servizio; Medaglia mauriziana al merito militare di dieci lustri


    .:: Senato del Regno ::.

Commissioni:Membro della Commissione parlamentare d'inchiesta sulle spese di guerra (19 luglio 1920)

    .:: Governo ::.

Governo:Ministro della guerra (29 maggio 1906-29 dicembre 1907)

    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Luigi Federzoni, Presidente

      Numerose e gravi perdite hanno dolorosamente colpito il Senato durante l'interruzione delle nostre sedute. Uomini di alto prestigio intellettuale, fra i più eminenti nella vita culturale della nazione, antichi e insigni parlamentari, nei quali l'autorità era eguale alla esperienza, benemeriti servitori dello Stato, patrioti di incorrotta esemplare fedeltà agli ideali, donde l'Italia nuova ha tratto le energie per la propria rigenerazione, hanno lasciato in quest’Aula ricordi e rimpianti che oggi incombono su noi con tanto più accorata mestizia per l'impossibilità di una degna rievocazione.
      Da tempo il generale Ettore Viganò aveva cessato di frequentare l'Assemblea, in cui aveva trattato per tanti anni con ammirata competenza dei problemi militari. Egli era nato nel 1843 a Tradate, in Provincia di Como; era stato garibaldino del 1860 e del 1866, combattente di tutte le campagne d'Eritrea, ministro della Guerra in tempi oscuri e difficili; ma l'età e i mali fisici, se l'avevano allontanato da quest’Aula, non avevano fiaccato gli entusiasmi né la mente del vecchio soldato, come egli aveva dimostrato di recente con un suo prezioso libro di memorie tutto avvivato dallo spirito immortale del risorgimento, libro a cui resterà durevolmente e nobilmente raccomandato il nome di Ettore Viganò. [...]
      a tutti gli altri colleghi che abbiamo perduto, si rivolgono il nostro pensiero memore e il nostro rimpianto.
      MUSSOLINI, capo del Governo, primo ministro. Domando di parlare.
      PRESIDENTE. Ne ha facoltà.
      MUSSOLINI, capo del Governo, primo ministro. Il Governo si associa alle nobili parole del Presidente e al cordoglio dell'Assemblea.

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 11 dicembre 1933.

Note:Il nome completo risulta essere: "Ettore Giuseppe Giovanni Pompeo".

Attività 2316_Viganò_IndiciAP.pdf