SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori del Regno (1848-1943) » Scheda Senatore  


LOCATELLI Umberto

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:12/16/1878
Luogo di nascita:BALLABIO (Como)- oggi (Lecco)
Data del decesso:04/10/1958
Luogo di decesso:LECCO (Como) - oggi LECCO
Padre:Giovanni
Madre:ZAPELLI Alma Caterina
Coniuge:GATTINONI Giovanna
Figli: Annina
Antonio
Giovanni
Alma Caterina
Achille
Adriana
Ercole
Alberto
Augusta
Alfredo
Angela
Maria
Lodovico
Fratelli:Mario
Tranquillo
Luogo di residenza:LECCO (Como) - oggi LECCO
Titoli di studio:Non risulta
Professione:Industriale
Carriera:Titolare dell'industria casearia Locatelli Mattia di Lecco
Cariche e titoli: Presidente della sezione di Lecco dell'Associazione nazionale alpini
Presidente della sezione di Lecco del CAI
Cavaliere del lavoro (20 aprile 1933)

    .:: Nomina a senatore ::.

Proponente:Prefetto di Como29/01/1939
Nomina:08/09/1939
Categoria:21 Le persone che da tre anni pagano tremila lire d'imposizione diretta in ragione dei loro beni o della loro industria
Convalida:13/11/1939
Presidente Commissione verifica titoli:Ettore Giuria
Giuramento:20/12/1939

    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia 11 ottobre 1917
Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia 16 maggio 1920
Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia 6 gennaio 1921
Grande ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia 18 aprile 1931
Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 12 gennaio 1922

    .:: Servizi bellici ::.

Periodo:1915 I guerra mondiale
Arma:Esercito
Mansioni:Sergente degli alpini


    .:: Senato del Regno ::.

Commissioni:Membro della Commissione degli affari esteri, degli scambi commerciali e della legislazione doganale (23 gennaio 1940-5 agosto 1943)
Membro della Commissione degli affari dell'Africa italiana (15 aprile 1942-5 agosto 1943)

    .:: Alta Corte di Giustizia per le Sanzioni contro il Fascismo (ACGSF) ::.

Deferimento:07/08/1944
Gruppo di imputazione:"Senatori ritenuti responsabili di aver mantenuto il fascismo e resa possibile la guerra sia coi loro voti, sia con azioni individuali, tra cui la propaganda esercitata fuori e dentro il Senato"
Provvedimento:Ordinanza di decadenzaData:31/07/1945
Provvedimento:Ordinanza di accoglimento del ricorso e revoca della decadenzaData:12/03/1946

    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Cesare Merzagora, Presidente
      [...]
      AMIGONI. Domando di parlare.
      PRESIDENTE. Ne ha facoltà.
      AMIGONI. Venerdì notte, in Lecco, ha chiuso la sua vita terrena Umberto Locatelli, cavaliere del lavoro e senatore del Regno. Con lui scompare una figura di grande rilievo, che ha affermato il nome del nostro Paese nel mondo.
      Nato 80 anni fa a Ballabio in Valsassina, educato agli ideali risorgimentali di Dio, della famiglia, della Patria e del lavoro, orfano di padre ancor giovanetto, assunse, con la madre, la direzione della modesta azienda artigiana fondata dal nonno Mattia Locatelli.
      La piccola azienda venne via via sviluppata con la collaborazione dei cinque fratelli, sino a costituire un notevole complesso industriale, sorretto da una rete commerciale di particolare rilievo che abbraccia tutto il mondo. Durante la prima guerra mondiale combattè con gli Alpini nel Trentino, e la fraternità d’armi e la passione per le sue montagne mai smentì anche successivamente. I meriti eccezionali nel campo del lavoro furono riconosciuti con la nomina a Cavaliere del lavoro nel 1933 e pochi anni dopo col laticlavio. Imprigionato dai tedeschi, soffrì il carcere con serena dignità; a guerra finita l’Alta Corte di giustizia lo riconfermò nella carica di senatore. Nel dopoguerra introdusse ad uno ad uno i figli nell’azienda e l’anno scorso, dopo un sessantennio di intenso lavoro, cedette loro l’intera responsabilità di reggere il complesso che egli aveva condotto a così alto prestigio.
      A me è grato ricordare Umberto Locatelli come lo conobbi giovanissimo professionista, chiamato a collaborare per la realizzazione di una serie di opere da lui donate alla sua città: il restauro della Torre viscontea, la scalea monumentale della Basilica, la costruzione di un gruppo di palazzine destinate ai più umili concittadini.
      Alla vedova, ai figli, il mio reverente cordoglio, mentre prego l’onorevole Presidente di voler esprimere alla famiglia quello del Senato.
      DARDANELLI. Domando di parlare.
      PRESIDENTE. Ne ha facoltà.
      DARDANELLI. A nome del Partito liberale italiano mi associo alle nobili parole pronunziate dal senatore Amigoni in memoria di Umberto Locatelli, con animo commosso, anche per il grande impulso che egli diede all’industria casearia italiana e al miglioramento zootecnico, in conseguenza, di tutta la nostra Italia e specialmente della Lombardia. Unisco la mia parola di cordoglio per la scomparsa di questo uomo che ha illustrato la nostra industria e la nostra Patria.
      TOGNI, Ministro dei lavori pubblici. Domando di parlare.
      PRESIDENTE. Ne ha facoltà.
      TOGNI, Ministro dei lavori pubblici. A nome del Governo mi associo alle parole di cordoglio pronunziate per la scomparsa del senatore del regno Umberto Locatelli.
      PRESIDENTE. A nome dell’Assemblea esprimo i sentimenti di vivo cordoglio per la scomparsa di Umberto Locatelli. Assicuro il senatore Amigoni che di tali sentimenti mi sono già reso interprete presso la famiglia dell’estinto.

      Senato della Repubblica, Atti parlamentari. Resoconti stenografici,7 ottobre 1958.


Attività 1282_Locatelli_IndiciAP.pdf