SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori del Regno (1848-1943) » Scheda Senatore  


PIANIGIANI Pietro Ottorino

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:03/04/1845
Luogo di nascita:SIENA
Data del decesso:07/10/1926
Luogo di decesso:SETTIGNANO, fraz. di Firenze
Padre:Ferdinando
Madre:BAGNANI Giuseppa
Nobile al momento della nomina:No
Nobile ereditarioNo
Luogo di residenza:FIRENZE
Titoli di studio:Laurea in giurisprudenza
Presso:Università di Siena
Professione:Magistrato
Carriera giovanile / cariche minori:Giudice del Tribunale di Grosseto (12 agosto 1877), Giudice del Tribunale civile e correzionale di Firenze (25 novembre 1880), Vicepresidente del Tribunale di Palermo (14 settembre 1888), Presidente del Tribunale di Chieti (1° dicembre 1889), Presidente del Tribunale di Arezzo (30 novembre 1890)
Carriera:Consigliere della Corte d'appello di Trani (30 dicembre 1892)
Consigliere della Corte d'appello di Firenze (11 febbraio 1894)
Consigliere della Corte di cassazione di Roma (28 aprile 1901)
Primo presidente della Corte d'appello di Catania (27 giugno 1907)
Primo presidente della Corte d'appello di Lucca (27 giugno 1909)
Primo presidente della Corte d'appello di Firenze (18 maggio 1911)
Primo presidente della Corte di cassazione di Firenze (1° marzo 1917-3 marzo 1920. Data del collocamento a riposo)

    .:: Nomina a senatore ::.

Proponente:Deputato31/03/1918
Nomina:10/06/1919
Categoria:08 I primi Presidenti e Presidenti del Magistrato di Cassazione e della Camera dei conti
Relatore:Nerio Malvezzi De' Medici
Convalida:09/12/1919
Giuramento:11/12/1919
Annotazioni:Gruppo Senato: Non ascritto a gruppi
    .:: Onorificenze ::.

Gran cordone della Corona d'Italia 7 dicembre 1916
Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 8 giugno 1902
Ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 20 gennaio 1907
Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 9 giugno 1910
Grande ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 10 giugno 1917


    .:: Senato del Regno ::.

Commissioni:Membro supplente della Commissione d'accusa dell'Alta Corte di giustizia (28 giugno 1921-10 dicembre 1923) (3 giugno 1924-7 ottobre 1926)

    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Tommaso Tittoni, Presidente

      Onorevoli senatori,
      Rivolgiamo ora un saluto reverente agli amati colleghi perduti durante la lunga sosta delle nostre sedute. [...]
      Il 7 ottobre spegnevasi a Settignano, presso Firenze, l'avvocato Pietro Ottorino Pianigiani, che tanto onore ha recato non solo alla scienza del giure ed alla magistratura, ma anche alle patrie lettere. In Siena egli aveva avuto i natali il 4 marzo 1845 e in quell'Università si laureò in legge a 20 anni, dopo aver fin da bambino rivelato vivida intelligenza e grande amore agli studi. Tre anni dopo iniziò la carriera giudiziaria, e vi percorse con plauso tutti i gradi: nel 1901 era consigliere di cassazione, nel 1907 primo Presidente della Corte d'appello di Catania, dov'ebbe a stringere fraterna amicizia con il poeta Mario Rapisardi, cui lo accomunava il grande amore per gli studi letterari e filologici. Nel 1917 fu nominato primo Presidente della Corte di cassazione di Firenze, carica che tenne con altissima dignità fino al 1920, quando, colpito dai limiti di età, dovette lasciarla, ancor florido di corpo e pronto di mente, fra l'universale rammarico della curia fiorentina e della magistratura italiana. Giacché Pietro Ottorino Pianigiani fu un magistrato circondato da grandissimo prestigio per la fermezza del carattere, per la integrità della vita, per la serenità del pensiero e per il senso quasi religioso ch'egli sempre recò nell'amministrare la giustizia; ch'è uno dei compiti più alti che possa esser affidato a uomini in confronto di altri uomini. La profondità della dottrina e il grande acume giuridico gli avevan permesso di dar soluzioni nuove e di fondare una nuova giurisprudenza su alcune gravi dibattute questioni, specialmente in diritto ecclesiastico.
      Ma vero spirito di umanista, Pietro Ottorino Pianigiani esplicò opera feconda anche nel campo della filologia, sopratutto con il Vocabolario etimologico della lingua italiana che accanto a quello dello Zambaldi è l'unico lavoro del genere che vanti la nostra letteratura, ed è frutto di grande dottrina e di pazienti ricerche. Egli non cessò mai di occuparsi di tale materia e proprio quest'anno aveva pubblicato una pregevole appendice. egli lascia anche un lavoro geniale sull'origine dei nomi propri italiani.
      Il 6 ottobre 1919, in riconoscimento dei suoi meriti di magistrato e di scrittore, egli fu nominato senatore e partecipò sempre con diligenza ai nostri lavori; fu anche membro della Commissione d'accusa dell'Alta Corte. La sua bontà e cortesia, la sua cordialità franca ed aperta lo resero a noi tutti carissimo.
      Il Senato rivolge al caro collega scomparso un mestissimo saluto, mentre invia alla desolata famiglia l'espressione delle sue profonde condoglianze. (Bene). [...]
      FEDELE, ministro della pubblica istruzione. Chiedo di parlare.
      PRESIDENTE. Ne ha facoltà.
      FEDELE, ministro della pubblica istruzione. In nome del Governo, mi associo alle parole di cordoglio dette dal Presidente dell'Assemblea per la perdita dei senatori che egli ha commemorato. Ciascuno di essi nei vari campi ove svolse la propria opera, o in quello della scienza e delle lettere, come i senatori [...] o nel campo dell'attività pratica ed amministrativa come i senatori [...] o nel campo della politica come i senatori [...] Il Governo nazionale, interprete del sentimento di riconoscenza del popolo italiano, si inchina alla loro memoria (Approvazioni).

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 16 novembre 1926.

Note:Il nome completo "Pietro Ottorino Alberto" divenne "Pietro Ottorino" con regio decreto 30 marzo 1916.

Attività 1750_Pianigiani_IndiciAP.pdf