SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori del Regno (1848-1943) » Scheda Senatore  


ROSA Pietro

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:11/10/1810
Luogo di nascita:ROMA
Data del decesso:15/08/1891
Luogo di decesso:ROMA
Padre:Luigi
Madre:RICCI Francesca
Coniuge:JACQUETY Tedosia
Figli: Vittoria
Raffaele
Salvatore, architetto
Luogo di residenza:Roma
Indirizzo:Piazza del Foro Romano
Professione:Architetto
Carriera:Incaricato del riordinamento delle gallerie e dei musei del principe Borghese [fino al 1849]
Conservatore del Palazzo dei Cesari [Direttore degli scavi sul Palatino] per conto di Napoleone III (1° agosto 1861-1870)
Sovrintendente per gli scavi e la conservazione dei monumenti della provincia di Roma (Regno d'Italia) (8 novembre 1870-1874)
Commissario della Direzione generale per i musei e gli scavi con competenza su Roma e l'Italia centrale (maggio 1875)
Ispettore generale onorario delle antichità e belle arti
Cariche amministrative:Consigliere comunale di Roma (1870)
Cariche e titoli: Membro della Commissione comunale per la conservazione degli Istituti, biblioteche, musei e gallerie della città di Roma
Membro della Commissione archeologica comunale di Roma (maggio 1872)
Membro dell'Accademia archeologica di Roma
Socio del Club alpino italiano, sezione di Roma

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:12/01/1870
Categoria:20 Coloro che con servizi o meriti eminenti avranno illustrata la Patria
Relatore:Gabrio Casati
Convalida:23/01/1871
Giuramento:05/12/1870
Annotazioni:Giuramento prestato prima della convalida, in seduta reale d’inaugurazione di sessione parlamentare

    .:: Onorificenze ::.

Ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 1° dicembre 1872
Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro
Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia
Commendatore dell'Ordine della Legion d'Onore

    .:: Servizi bellici ::.

Periodo:1849 prima guerra d'indipendenza
Decorazioni:medaglia per la difesa di Roma,


    .:: Senato del Regno ::.

Commissioni:Membro della Commissione per la Biblioteca (13 dicembre 1871-19 ottobre 1873)

    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
    Domenico Farini, Presidente

    Signori senatori! Mi è doloroso ricordarvi le morti che ci afflissero nei mesi passati. Di anni ottantuno quasi compiuti, addì 15 agosto, mancava ai vivi in Roma sua città natale, il senatore Pietro Rosa. Nell'accademia di San Luca appresa l'arte del disegno, ebbe diploma di architetto dalla "Sapienza" ed all'architettura attese fino a che i casi della vita furongli occasione alle ricerche archeologiche ed allo studio dei monumenti e dei vestigi della grandezza romana. Imperocché dopo la restaurazione del 1849, per farsi dimenticare dalla polizia, che fra i difensori della città lo aveva segnato e per il libero opinare con inquisizioni ed angherie lo vessava, ridottosi solingo in una solitaria casa del suburbio si diede con cura diligente e dotte ricerche ad illustrare l'antica via Appia e la villa dei Cesari in quel di Albano e pose mano alla grande carta dell'antico Lazio, acquistando fra gli archeologi nostrani e forestieri buon nome. Di che conseguì, che Napoleone III, scrivendo la vita di Cesare lo ricercasse di notizie intorno a Roma antica, e dopo il 1860 lo preponesse agli scavi degli orti Farnesiani ed alla conservazione del palazzo imperiale, dalla sua perizia rimesso in luce e bellamente descritto. Dal Governo italiano assunto a sopraintendente degli scavi di Roma e più tardi ad ispettore generale delle antichità del Regno, continuò il Rosa e ripeté le prove della sua dottrina.
    Il 1° dicembre 1870 il Re lo aveva chiamato in quest’Assemblea per la categoria 20ª dell'art.33 dello Statuto. Ed il Senato constatandone la fama europea, l'essere egli ascritto alle più reputate accademie d'Europa, fra cui l'Istituto di Francia riconosceva i servigi e meriti eminenti con che l'eletto aveva illustrata la patria. Ricompensa insigne d'un ingegno tenacemente indagatore, d'una rara erudizione, d'un patriottismo disinteressato, splendido attestato che oggi rammenta e degnamente riassume la vita di Pietro Rosa e le benemerenze sue.
    (Approvazioni).

    Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 25 novembre 1891.

Note:Il padre Luigi Rosa era discendente diretto di Salvator Rosa.
[Curiosità:] curò la "Carta topografica del Lazio". Era socio corrispondente dell'Istituto di Francia.
[Curiosità:] dopo la disfatta di Sédan Pietro Rosa convinse Napoleone III a cedere il Palatino al Governo italiano (Napoleone III aveva acquistato gli Orti farnesiani nel 1861). Il 2 dicembre 1870 il Governo italiano acquistò gli Orti farnesiani insieme al Museo palatino per L. 650.000, una cifra minore rispetto alla somma spesa al primo acquisto e alle spese sostenute dall'Imperatore per gli scavi.


Attività 1934_Rosa_IndiciAP.pdf